Cultura e tempo libero / Mostre

Commenta Stampa

Ordine degli Avvocati di Roma: oggi 100 anni di attività

Al “Palazzaccio” in mostra i grandi processi romani


Al “Palazzaccio” in mostra i grandi processi romani
20/06/2011, 21:06

Dall’omicidio Pasolini al caso Tortora, dalla banda della Magliana all’omicidio dell’Olgiata tornando indietro nel tempo fino al caso della “decapitata” di Castel Gandolfo e l’uccisione di Wilma Montesi. Hanno sfilato così i grandi processi dell’attività forense romana, insieme ai volti, alle carriere e ai ricordi dei grandi nomi dell’Ordine degli Avvocati di Roma che oggi hanno festeggiato 100 anni di attività al Palazzaccio. La celebrazione ha visto la partecipazione anche di rappresentati delle istituzioni, ex presidenti dell’ordine capitolino ed i presidenti dei 156 Ordini degli Avvocati di tutta Italia. L’evento si è svolto nel Palazzo di Giustizia di Roma, noto ai romani come il "Palazzaccio", dal 1911 sede indiscussa del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Roma. Ad aprire l’anniversario il convegno, introdotto dal presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma, seguito dagli interventi dei relatori: Enrico Biamonti, Alessandro Cassiani, Giovanni Cipollone, Massimo Frattali Clementi, Filippo Lubrano,Carlo Martuccelli, Manfredo Rossi, Mario Sanino, Vincenzo Gaito. Un’occasione per ripercorrere la storia dell’Ordine degli Avvocati di Roma, il grande lavoro, l’indiscutibile impegno e l’autentica difficoltà, talvolta, di districare le complesse matasse giudiziarie, sia a livello individuale che sociale, ma anche una lucida analisi di luci e ombre che caratterizzano la giustizia italiana. Una storia che si è voluta ripercorrere anche con una mostra fotografica all’interno del Palazzaccio che sarà aperta gratuitamente al pubblico tutta la settimana. Una galleria di ricordi, frutto della collaborazione di tanti avvocati, oggi quasi centenari che conta oltre settanta scatti per ricordare presidenti e consiglieri dell’Ordine succedutisi nel tempo, immortalati accanto a Capi di Stato come Saragat, Leone o Scalfaro ed altri personaggi illustri, sino a Sua Santità Benedetto XVI .

Commenta Stampa
di AnFo
Riproduzione riservata ©