Cultura e tempo libero / Teatro

Commenta Stampa

Se i desaparecidos potessero parlare…

Al Teatro Il Primo è di scena “Il tempo di una canzone”

La barbarie della “guerra sporca”

Al Teatro Il Primo è di scena “Il tempo di una canzone”
27/03/2012, 17:03

A partire da giovedì 29 marzo il Teatro di Viale del Capricorno ai Colli Aminei aprirà il sipario su “Il tempo di una canzone”, per la regia di Angela Sales. Accanto a Danilo Rovani saranno in scena Antonio Buonanno, Serena Pisa, Valentina Tedeschi, Piera Violante e le ballerine Viviana Taurisano e Rosa Orefice.
Il 24 Marzo 1976 cala la notte sull’Argentina. Per molti comincia un viaggio senza ritorno.
Frammenti della “guerra sporca” della dittatura argentina, dove un’intera generazione, trentamila tra uomini, donne e bambini, vengono cancellati per mano della giunta militare.
Non c’è risposta che possa spiegare questa premeditata violazione di ogni diritto della persona. Di fronte a queste atrocità ogni logica decade, e quando una logica diventa disumana non è più logica.“Ci sono particolari importanti, ma mi è difficile raccontarli. Quando ci penso vado fuori di testa. Una volta che avevano perso i sensi, venivano spogliati e, quando il comandante dava l’ordine, a seconda di dove si trovava l’aereo, si apriva lo sportello e venivano gettati di sotto, uno a uno”. Un capitano di corvetta, ex membro dell’ESMA, confessa il metodo della desapariciòn, dell’annientamento anagrafico, e dei cosiddetti “voli della morte”, tracciando il confine tra la vita e la morte, il cielo e la terra, la libertà e la tirannia. I governi democratici che sono susseguiti hanno scelto l’oblio. Ma il passato non scompare mai. Questa confessione ne è la prova.
Scenografia a cura di Armando Alovisi, disegno luci di Ettore Nigro, costumi Associazione culturale “Briciole di stelle”. In scena fino al 1 Aprile.
TEATRO IL PRIMO
Viale del Capricorno 4 – 80131 Napoli
Posto unico € 10,00
info: 0815921898 ore 16:00-20:00 (giovedì, venerdì e sabato) ore 18:30 (domenica)
 

Commenta Stampa
di Rosa Vetrone
Riproduzione riservata ©