Cultura e tempo libero / Teatro

Commenta Stampa

Al Mercadante Isa Danieli sarà “L’Abissina”

Al Teatro Stabile la Danieli ne “L’Abissina. Paesaggio con figure”

Uno spettacolo scritto e diretto da Ugo Chiti

Al Teatro Stabile la Danieli ne “L’Abissina. Paesaggio con figure”
07/02/2012, 11:02

Isa Danieli, nel ruolo di Nunzia, è la protagonista dello spettacolo L’Abissina. Paesaggio con figure, testo e regia di Ugo Chiti, in scena al Teatro Mercadante a partire da domani, da mercoledì 8, a domenica 19 febbraio. Spaccato di vita contadina sospeso tra cupezza e comicità, lo spettacolo è un viaggio nei primi anni del Novecento, all’origine della nostra storia, la cui eco si riverbera fino agli anni della cronaca più recente. L’Abissina. Paesaggio con figure è la prima pietra dell’edificio drammaturgico che Ugo Chiti ha costruito intorno alla sua Arca Azzurra Teatro per raccontare, attraverso il microcosmo rurale toscano, il paesaggio ben più vasto della storia del nostro paese nel corso di tutto il secolo scorso fino a questi anni 2000. Un testo che il regista e autore toscano ha riallestito a diciassette anni dalla prima messa in scena del 1994. “Una scelta che oltre il naturale piacere di riprendere un testo che ha segnato la storia della mia compagnia – spiega Chiti – è stata stimolata soprattutto dall’incontro con Isa Danieli e dall’idea di affidare al suo temperamento di attrice mediterranea il centro della vicenda. Cosa che mi ha consentito di affrontare altri temi come, ad esempio, l’emarginazione e il razzismo. Non a caso il titolo di questa messa in scena di Paesaggio con figure è diventato L’Abissina, soprannome perlopiù dispregiativo che nella Toscana della mia infanzia si usava verso quelli che venivano dal Sud, verso i meridionali”. Nel cast, accanto alla Danieli, si cimenteranno Barbara Enrichi, Giuliana Colzi, Andrea Costagli, Dimitri Frosali, Massimo Salvianti, Lucia Socci, Lorenzo Carmagnini, Andrea Corti, Giulia Rupi e Cristina Torrisi La vicenda racconta il balletto tragicomico di una piccola comunità intorno alla figura di Lucesio, vecchio despota possidente e malato, che insegue il sogno di un erede degno della sua “roba”. Il medico curante, anche modesto pittore, si diletta a ritrarre Volpino e sua moglie Argia, incinta di sei mesi. I due occasionali modelli si prestano al gioco pur di carpire notizie sul decorso della malattia del vecchio, di cui Volpino è unico erede. Nunzia, serva e amante del vecchio, vorrebbe però far riconoscere all’uomo la paternità della figlia Giacinta, afflitta da una evidente deformità. Lucesio, infatti, malgrado una esuberante virilità, sembra essere condannato a mettere al mondo solo creature mostruose. La vicenda si snoda tra angosce e paure, presenze inquietanti e alleanze impossibili, fino a quando l’improvviso miglioramento del vecchio, convinto di poter finalmente avere l’agognato figlio sano, creerà intorno al suo letto un continuo alternarsi di attese….

Orario spettacoli
martedì, mercoledì, venerdì e sabato ore 21.00
giovedì ore 17.30 | domenica ore 18.00

Informazioni: tel.081.5524214 | Biglietteria: tel. 081.5513396 |
www. teatrostabilenapoli.it

 

Commenta Stampa
di Rosa Vetrone
Riproduzione riservata ©