Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

Al Trianon, il pianismo jazz internazionale di Tigran


Al Trianon, il pianismo jazz internazionale di Tigran
07/12/2012, 15:50

Al Trianon, giovedì 13 dicembre prossimo, alle 21, sarà di scena Tigran, l’astro nascente armeno venticinquenne del pianismo jazz internazionale, con il concerto A fable.

La serata nel teatro della musica a Napoli, in esclusiva per l’Italia meridionale, è prodotta da Concert/Azione eventi di Alessia Di Matteo.

Tigran, cioè Tigran Hamasyan, ormai cavalca l’onda del successo internazionale. Il suo modo di suonare il pianoforte dimostra una tecnica di base stupefacente, un tocco sopraffino che sa padroneggiare bene la dinamica, un modo di arpeggiare che rimanda a Debussy. Nella sua musica, fortemente personale e appassionata, la potente improvvisazione jazz si fonde con la ricchezza della musica popolare della nativa Armenia: «Quando avevo tredici anni ho iniziato a comprendere l’incredibile ricchezza culturale dell’Armenia – spiega l’artista – e poi, ascoltando sempre di più la musica popolare, sono rimasto basito nel vedere come questo repertorio sia tanto ignorato: mano a mano che conoscevo dei brani, ne coglievo l’enorme potenziale con l’improvvisazione jazzistica».

Il titolo del concerto, A fable, cioè «Una favola», riprende quello del suo brillante album di pianoforte solo, pubblicato da Universal jazz France, con il quale ha vinto il French grammy award per il miglior album internazionale di produzione francese, ed è ispirato al lavoro dei poeti Hovhannes Tumanian e Gegham Saryan e dei favolisti medievali, sempre armeni, Vardan Aygekci e Mkhitar Gosh.

Il giovane pianista, attualmente residente negli Stati Uniti, vanta già collaborazioni con musicisti del calibro di Trilok Gurtu e Dhafer Youssef ed esibizioni sui maggiori palcoscenici internazionali, fra cui il Montreux jazz festival, nonché onorificenze ricevute da leggende del pianoforte jazz come Herbie Hancock e Chick Corea.

«Grazie all’incontro con il presidente del Trianon Maurizio D’Angelo – sottolinea Di Matteo – abbiamo la possibilità di far parte di questa prestigiosa programmazione del teatro della musica a Napoli e di presentare un artista meraviglioso, giovane e di raro talento, che per la prima volta si esibisce nel Mezzogiorno».

L’appuntamento napoletano di Tigran avrà un prologo nella stessa giornata, alle 16:30, nel conservatorio San Pietro a Majella, con l’incontro con i giovani allievi dell’istituzione musicale, promosso dal direttore Elsa Evangelista.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©