Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Al Trianon, la canzone d’autore di Meg e Colapesce


Al Trianon, la canzone d’autore di Meg e Colapesce
24/01/2013, 15:00

 

Al Trianon è di scena la canzone d’autore di Meg e Colapesce.

Domani, venerdì 25 gennaio, alle 21, i due artisti si esibiranno nel concerto del loro nuovo tour Bipolare: due amici, due stili diversi e due storie differenti per un concerto unico, insieme.

Meg, la napoletana Maria Di Donna, ex 99 Posse, e Colapesce, pseudonimo del siracusano Lorenzo Urciullo, sono come il giorno e la notte: complementari, eppure per nulla uguali.

Dopo avere collaborato per la nuova versione di Satellite, brano già contenuto nell’album di Colapesce che proprio grazie all’intervento di Meg, ha acquistato colori e sfumature nuove, non si sono più persi di vista e hanno continuato a incrociare i loro percorsi artistici. È da quell’esperienza e dal confronto che nasce l’idea di un tour insieme in grado di unire i loro rispettivi mondi sonori fino a rendere unico quello che fino a ora è stato sempre diviso. Distante. L’universo in cui si muovono Meg e Colapesce è bipolare, di qui il titolo del tour: acustico ed elettronico, analogico e digitale, vintage e moderno, onirico eppure al tempo stesso anche terreno. Proprio come le loro canzoni.

Insieme hanno deciso di rinunciare a ogni certezza rimettendo in discussione il loro repertorio passato, presente e futuro per proporlo in una forma tutta nuova.

Per l’occasione hanno deciso di sperimentare un quartetto inedito che comprende la presenza di due dei musicisti con cui Meg collabora da tempo: Mario Conte e Alessandro Quintavalle. Non sarà, quindi, un concerto di Colapesce, oppure di Meg, ma un concerto di Meg e Colapesce.

Gli altri appuntamenti della settimana al Trianon sono lo spettacolo di varietà L’ultimo pianino con Antonio Buonomo (sabato 26 gennaio) e il concerto-presentazione del’album di brani napoletani classici e moderni Canto napoletano di Toni Cosenza e Michele Ascolese (domenica 27), sempre alle 21.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©