Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Al Trip arriva Marianna Troise


Al Trip arriva Marianna Troise
23/11/2010, 11:11


NAPOLI - “Tutto nel cuore, tutto il cuore in tutto” è un viaggio nel mondo di Marianna Troise, artista, coreografa e danzatrice napoletana, che giovedi 25 novembre al Trip dalle ore 19 mostra parte della sua vita, aprendo come scrigno i ricordi, attraverso le foto personali e delle persone che l’hanno accompagnata fino ad oggi nella sua esperienza intensa di vita, tra oggetti di scena, manifesti degli spettacoli, e proiezioni degli spettacoli o la presentazione di alcune opere.  "A TRIP facciamo una specie di festa - dice Marianna- dove le mie anime si fondono in un’unica pasta amorosa e mi mostrano come portatrice sana di quel virus del contemporaneo che ha contagiato la mia danza e il mio fare performativo, il mio insegnamento di discipline pittoriche e la mia vita personale, dagli anni Settanta. Così, in questa cosa che porto a TRIP, che non mi va di chiamare mostra, convivono allegramente tante cose che mi hanno accompagnato in questi anni, in modo un po’ disordinato ma festoso e indisciplinato come la sottoscritta. Sarà divertente e curioso per tanti ritrovarsi in video, in foto, in quel gioco del come eravamo che accomuna nel disordine temporale, Antonella Stefanucci, Arturo Cirillo, Ludovica Zoina, Irvin Vairetti (che ebbe il suo battesimo canoro in un saggio di fine anno del Caiv Danza) e tante bambine cresciute oggi mamme…" Marianna Troise (Napoli), si diploma in scultura all’Accademia di Belle Arti di Napoli. Fin dagli esordi, segnati dall’esperienza con l’austriaca Greta Bitter, il suo lavoro di danzatrice e di coreografa è orientato ad un continuo dialogo con le arti figurative, elaborando un pensiero ed una pratica di teatro-danza che, alla finitezza dello spettacolo compiuto, privilegia l’aperto di un’opera che vive in interrotta, necessaria mutazione. Fondatrice negli anni ’80 di CAIV DANZA e COMPAGNIA OTTANTASEI, è protagonista di numerosi eventi-spettacoli, rassegne, stages didattici ed interventi interdisciplinari.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©