Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Alberto Pizzo: performance a Salerno e special tv giapponese per il nuovo funambolo del pianoforte


http://www.youtube.com/watch?v=9dcL_LHVigY

Alberto Pizzo: performance a Salerno e special tv giapponese per il nuovo funambolo del pianoforte
13/09/2012, 15:53

Il talento di Alberto Pizzo continua a diffondersi per le piazze italiane. Dopo essersi esibito in apertura di alcuni dei concerti estivi di Ron e aver partecipato a rinomate iniziative musicali nella nostra penisola, il virtuoso pianista che ha conquistato la Grande Mela per le sue funamboliche esibizioni, chiamato da alcuni dei divi cinematografici più in voga, approda ora a Salerno, per l’anteprima del venticinquesimo anniversario del Premio Charlot . L’esibizione, che si svolgerà venerdì 14 settembre alle ore 21,15 all’Arena del Mare Manfredi, lo vedrà interpretare – col suo stile inconfondibile che sa mescolare abilmente tradizione e innovazione - parte del repertorio di colonne sonore di cui fa parte il suo bellissimo e nuovo CD Funambolist .

Prodotto da Renato Marengo per la Cinevox Records e distribuito in Italia, Stati Uniti e Giappone, l'album contiene brani originali dello stesso Pizzo, omaggi ai classici della canzone napoletana, città a cui l'artista è legato fin dalla nascita, e musiche di alcuni tra i più noti compositori di cinema quali Ennio Morricone, Goblin, Bixio-Frizzi-Tempera e C.A. Bixio.

Attivo nella ricerca di nuove sonorità della tastiera e nel continuo confronto con vari generi musicali, Pizzo ha inoltre esplorato percorsi sperimentali suggestivi tramite gli incontri in studio con Francesco Cafiso, uno dei sassofonisti jazz di maggior talento, e la soprano giapponese Yuki Sunami, interprete di una recente Bohème prodotta dal Teatro San Carlo.
Con quest’ultima Alberto avrà inoltre occasione di realizzare sabato prossimo uno special per la rete televisiva BS.TBS , tra i canali satellitari di maggior ascolto del Giappone, che invierà appositamente  una propria troupe per intervistarlo, memore della sua fortunata esibizione in un concerto di tre anni fa, nella hall della Borsa di Tokyo,  davanti a migliaia di persone.

In autunno Alberto ci riserverà ancora piacevoli gradite sorprese – alcune delle quali in campo cinematografico – che confermeranno a livello internazionale le sue doti musicali in una miscela tra contaminazione, scoperta e sorpresa.
Alberto Pizzo pianista, compositore, arrangiatore e concertista di inconfondibile valore, ha già al suo attivo una serie consistente di esibizioni in Italia e all’estero.
Alla fine del 2011 incontra Renato Marengo che diventa il suo produttore artistico e, convinto dal talento e dalle indubbie capacità compositive, lo invita a recarsi a New York dal suo amico Franco Schipani che inizia subito ad introdurlo tra i musicisti della Grande Mela. Pizzo si fa rapidamente notare e, nel giro di qualche settimana, si esibisce nei migliori locali di Greenwich Village. Poi, nel cuore di Manhattan, Da Marino a Time Square, si fa particolarmente apprezzare dalla esigente clientela del locale per la grande carica di vitalità, per la tecnica pianistica e per l’originalità dei suoi arrangiamenti delle colonne sonore di celebri film scritte da autori come Morricone, Rota, Ortolani, Gaslini, Simonetti, Umiliani, Piazzolla, Keith Emerson e John Williams.
Tra i clienti assidui c’è Michael Douglas che, colpito dai suoi virtuosismi al pianoforte, lo invita a suonare per lui e per i suoi amici ad una festa privata dove Pizzo conosce, tra gli altri, Stephen Murphy, stretto collaboratore artistico della Julliard e del Metropolitan, che gli commissiona le musiche per un progetto teatrale del MET ispirato a un film di John Ford. Conosce anche Henry Williams, leader del gruppo rap Sugar Hill Gang che gli offre un contratto di collaborazione.
L'abile performer, nel suo breve ma intenso soggiorno americano, suona con numerosi artisti affermati, tra i quali anche il sassofonista Daniel Carter e, colpito dall'atmosfera newyorkese, compone un brano dedicato a Manhattan.
Dall’incontro con Franco Bixio, nasce una collaborazione con la storica etichetta Cinevox Record e, con la firma di un contratto discografico ed editoriale per tutto il mondo, il concertista entra a far parte della casa editrice accanto a nomi quali Morricone, Rota, Piovani, Keith Emerson e tanti altri celebri compositori.
Recentemente Pizzo è stato protagonista di una serie di concerti, ripresi dalla Rai, ai quali hanno partecipato i maggiori cantautori italiani.
È stato inoltre protagonista di alcuni special televisivi per la Rai.
Il suo primo CD, Funambulist, prodotto da Renato Marengo per la Cinevox Record, è stato registrato nel corso di una serie di concerti live negli studi di Rai Radio 1, nel corso del programma Invito Personale di Gian Maurizio Foderaro, negli studi Trafalgar di Roma nell'ambito della rassegna Soundtracks in Concert e negli studi di Rai Corporation a New York.
Tra i miti di Alberto Pizzo, il grande Astor Piazzolla (a cui ha dedicato una sua originale versione di Libertango), il pianista e compositore statunitense Keith Jarrett e Renato Carosone.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©