Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

ALBURNI JAZZ: presentato a Roma il calendario (8-12 agosto)


ALBURNI JAZZ: presentato a Roma il calendario (8-12 agosto)
14/07/2011, 10:07

ROMA - E' stata presentata stamattina alla Domus Talenti di Roma la diciottesima edizione di ALBURNI JAZZ, la storica manifestazione dedicata al Jazz, Blues e Contaminazioni. Dall’8 al 12 agosto il comune di Serre, suggestivo e storico borgo medievale salernitano, ospiterà artisti italiani ed internazionali nell’intento di proporre e far dialogare le nuove tendenze musicali contemporanee attraverso concerti che vedranno esibirsi ogni sera ben tre differenti artisti. Nata nel 1994, la manifestazione è da considerarsi un festival storico dell'intera area. Oltre ai grandi protagonisti che ne hanno segnato il percorso (si sono alternati, solo nell’ambito della scorsa edizione,  artisti come Francesco Baccini, Marina Rei, Toquinho, James Senese & Napoli Centrale, Paolo Belli, Gino Paoli) grande spazio è stato dato ai nuovi talenti, tanto che il Comune ha realizzato, in collaborazione con il programma di RAI Radio 1 DEMO, il suo primo DEMOLAB, una fabbrica di talenti dove i giovani aspiranti musicisti del territorio hanno la possibilità di provare, realizzare cd, effettuare sperimentazioni musicali e persino dei video.  Per l’estate 2011 il direttore artistico Domenico Catalano, attuale Assessore allo spettacolo del Comune di Serre, grazie alla proficua collaborazione con la Palco Reale di Gianni Sergio, società di spettacolo che opera da oltre 30 anni sul territorio nazionale, ha concepito una molteplicità di proposte musicali, con un occhio particolare ai giovani talenti scelti da Michael Pergolani e Renato Marengo di DEMO, che faranno da apripista ai concerti serali, a special guest del panorama odierno pop/d’autore e a grandi nomi della musica di oggi. Si comincia l’8 agosto con il quintetto capitanato da Peppe Servillo che conta musicisti del calibro di Javier Girotto, Natalio Mangalavite, Emanuele Smimmo e Daniele Basirico, in un progetto dal titolo L’amante improvviso che scompagina e reinventa il repertorio Avion Travel e di tutto quanto Servillo ha fatto nella sua strada fitta di attraversamenti ed incontri. Ad aprire il concerto il torinese Pinguino e, sempre in quintetto, la formazione musicale diretta da Piji, dedicata a reinterpretare il repertorio tenchiano e a evocarlo anche attraverso brani originali. Il 9 agosto è la volta dei milanesi 2 pingeons che apriranno due imperdibili performance: quella dei Neri per Caso, la più acclamata band italiana “a cappella” nel mondo, in una selezione del loro migliore repertorio, e il gruppo della rivelazione olandese pop-soul Alain Clark, noto al pubblico mondiale per il suo particolarissimo singolo Father and friend, che per l’occasione, nella sua unica data italiana, duetterà assieme al padre Dane, ex cantante del gruppo soul Dane and the Dukes of Soul. Clark è attualmente in rotazione nelle radio con il suo singolo Foxy Lady, a metà tra soul e funk. Il 10 agosto il palcoscenico di Serre accoglierà il grande Ron insieme al suo quartetto formato da Piera Pizzi, Marco Serra, Fabio Gangi ed Ezio Rossi, preceduto dai giovani fiorentini Bloom Fly e dall’eclettica e talentuosa Naif Herin, ospite fissa delle trasmissioni televisive francesi e  acclamatissima oltralpe. L’11 agosto arriva Nathalie, la cantautrice italo-belga scoperta da DEMO e vincitrice dell’XFactor 2010, anticipata dalla performance dei napoletani Softones e anticipatrice a sua volta dell’inedito duo voce-contrabbasso composto da Petra Magoni e Ferruccio Spinetti, in brani classici e del loro ultimo progetto discografico dal titolo Complici.
A chiudere, il 12 agosto, sarà il gruppo DEMO Shooting Stars, apriconcerto di tre eccezionali musicisti: il cantautore Luca Madonia con il suo quartetto d’archi; il sassofonista Francesco Cafiso, ex bambino prodigio che suonò alla cerimonia di insediamento di Obama e attuale nome virtuoso del jazz internazionale – in duo insieme al pianista Dino Rubino – e Alex Britti con il meglio del suo repertorio per un coinvolgente ed unico gran finale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©