Cultura e tempo libero / Mostre

Commenta Stampa

Maurizio Brandi apre il suo studio ai giovani artisti

Alessandro Bianchi: quando l'antico si fonde con il moderno

Da via Bisignano a via Morelli sulle strade dell'arte

Alessandro Bianchi: quando l'antico si fonde con il moderno
13/12/2011, 16:12

Nella frizzante atmosfera natalizia napoletana, nel pieno centro della città, l’antiquario Maurizio Brandi, venerdi 16 dicembre alle ore 19.00, inaugurerà la nuova sede di via Bisignano. Un moderno gioiello con pietre antiche e di grandissimo valore, così si potrebbe immaginare il nuovo luogo a cui Maurizio Brandi ha ridato vigore, trasformando l'antico laboratorio della storica strada del lussuoso quartiere Chiaia  in un moderno atelier che si sposa perfettamente e con armonica eleganza con gli oggetti d'arte del suo interno. Lo scopo è dare nuova linfa vitale a ciò che egli più ama, l'antico, spogliandolo della sua pesantezza  e rendendolo più che mai attuale. Per sottolineare il suo proposito, una sorta di modernizzazione dell'antico, Maurizio Brandi, oltre ad operare una commistione fisica di antico con il moderno dal suo atelier,  indirizza un grande regalo per i napoletani, trasformando la storica Galleria in via Morelli, 9  già punto di riferimento per gli amanti dell' anti-quariato, in un centro culturale ricco di arte dove giovani e appassionati potranno incontrarsi per alimentare e soddisfare il loro amore per l'arte.  Ad inaugurare la serie di eventi sarà la mostra delle opere pittoriche del giovane artista Alessandro Bianchi che avrà inizio con un vernissage sabato 17 dicembre alle ore 19. Alessandro Bianchi, nato a Cassino, vive e studia a Roma e da sempre è stato innamorato dell'arte.  Ha iniziato a coltivare il suo estro artistico fin da giovanissimo, rimanendo prima affascinato dalla natura, poi, dopo il suo trasferimento a Roma,  dall'entourage artistico della città che lo ha portato a creare opere in cui si riflettono i canoni classici della scultura e della pittura di grandi personalità quali Michelangelo e Caravaggio ma anche di Kandisky, Magritte e tanti altri. Le opere di Bianchi, sono un intreccio di antico e moderno in cui l’autore riprende temi e tecniche dei grandi ed amati artisti, riassumendoli in una personalissima chiave moderna.

 

 

Commenta Stampa
di Vi.Bra.
Riproduzione riservata ©

Correlati

14/12/2011, 09:12

Natale a San Pietro a Majella