Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Dal 2 al 5 giugno prossimo l'annuale meeting

Alla Fiera di Rimini, il convegno nazionale di Rinnovamento nello Spirito


Alla Fiera di Rimini, il convegno nazionale di Rinnovamento nello Spirito
30/05/2011, 10:05

"La mia carne per la vita del mondo” (Gv 6, 51b) sarà il tema della 34a Convocazione Nazionale dei Gruppi e delle Comunità del Rinnovamento nello Spirito Santo (RnS), in programma dal pomeriggio di giovedì 2 fino a domenica 5 giugno, presso la Fiera di Rimini.

Il più importante appuntamento nazionale del RnS, Movimento ecclesiale che in Italia conta 200 mila aderenti raggruppati in oltre 1.900 gruppi e comunità, vedrà la partecipazione di oltre 15 mila persone provenienti da tutta Italia e dalla Svizzera. Tra questi più di 300 sacerdoti e oltre mille bambini e adolescenti. Oltre 600, poi, i volontari coinvolti nei vari servizi della Convocazione.

Il programma delle quattro giornate, consultabile sul sito www.rns-italia.it, prevede: momenti di preghiera comunitaria, liturgie penitenziali, confessioni sacramentali, l’adorazione comunitaria con animazione spirituale “Roveto Ardente”, testimonianze, relazioni, esortazioni spirituali e celebrazioni eucaristiche.

Tanti gli ospiti attesi, tra cui: il card. Angelo Comastri, vicario generale del Papa per la Città del Vaticano; il card. Paolo Romeo, arcivescovo di Palermo; mons. Fouad Twal, patriarca di Gerusalemme dei Latini; mons. Francesco Lambiasi, vescovo di Rimini; Jean Pliya, scrittore e già coordinatore nazionale del Rinnovamento Carismatico Cattolico del Benin; Ralph Martin, testimone delle origini del Rinnovamento negli USA.

In particolare, sabato 4, durante la sessione pomeridiana in memoria del Beato Giovanni Paolo II nel XXV anniversario dell’Enciclica Dominum et Vivificantem, mons. Edoardo Menichelli, arcivescovo di Ancona-Osimo, presenterà il XXV Congresso Eucaristico Nazionale di Ancona. A seguire è prevista la tavola rotonda “Giovanni Paolo II. Un uomo, un Papa, capolavori dello Spirito”. Moderati da Marco Tarquinio, direttore di Avvenire, interverranno: il card. Paul Poupard, presidente emerito del Pontificio Consiglio della Cultura; padre Raniero Cantalamessa O.F.M.Cap., predicatore della Casa Pontificia; mons. Pawel Ptasznik, responsabile della Sezione polacca della Segreteria di Stato Vaticana.

Come tradizione, i padroni di casa della Convocazione saranno: il presidente nazionale RnS, Salvatore Martinez; il coordinatore nazionale RnS, Mario Landi; il direttore RnS, Marcella Reni; il consigliere spirituale nazionale RnS, don Guido Pietrogrande sdb; i membri del Comitato Nazionale di Servizio e del Consiglio Nazionale RnS. La Convocazione sarà anche l’occasione per presentare all’Assemblea i neo eletti coordinatori dei Gruppi, delle Diocesi e delle Regioni per il quadriennio 2011-2014. Domenica 5, infatti, il programma prevede per loro la preghiera per il mandato a essere “testimoni dello Spirito”.

Il Servizio Nazionale della Musica e del Canto, orchestra sinfonico-ritmica con coro polifonico di circa 100 elementi, avrà il compito di animare e raccordare le varie sessioni, coinvolgere attivamente i partecipanti durante i momenti di preghiera e le celebrazioni.

Sempre nei padiglioni della Fiera, come da tradizione, parallelamente alla Convocazione “per adulti” si assoceranno 3 Meeting: Baby, Bambini e Ragazzi divisi per fasce d’età: 3-5, 6-10 e 11-14 anni.

“La Convocazione del RnS – ha dichiarato il presidente Martinez – riveste ormai da anni un interesse internazionale e muove migliaia di persone desiderose di fare un’esperienza viva della persona di Gesù, della sua Chiesa, del suo Vangelo. Siano essi appartenenti al Movimento, oppure cristiani della domenica, in molti casi lontani da Dio, nessuno ritorna a casa deluso! Uno sguardo speciale viene sempre riservato ai tanti ammalati, alle persone che vivono in condizioni di solitudine o di disagio, ai ragazzi e ai giovani, ai sacerdoti. Ci muove l’idea post conciliare che è il popolo di Dio, rinnovato dallo Spirito mediante un’adesione personale e convinta alla vita sacramentale e carismatica, che deve difendere e diffondere la fede. Il cristianesimo non conosce crisi e può rappresentare la sola, vera alternativa allo spirito di morte e alla cultura del nulla che serpeggiano nella storia, solo se ciascun membro del popolo di Dio si lascerà dinamizzare dallo Spirito per ridire la fede, ridare la speranza, rifare la carità. Noi non ci perdiamo d’animo: vediamo compiersi queste attese e avanzare, gioiosa, una nuova generazione di cristiani, che vogliono gridare al mondo le meraviglie della Pentecoste, gli effetti benefici di una vita vissuta in, con, per Cristo. La Convocazione del RnS è un evento ecclesiale e sociale insieme, un momento di forte coesione spirituale che ricorda a tutti gli italiani, nell’anno del 150°, come l’unità della Nazione abbisogni sempre più degli ideali e dei valori alti del cristianesimo per la promozione dell’uomo e la protezione dell’umano vivere”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©