Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Alla Fondazione Valenzi la presentazione del libro di Roberto Ciuni “Lettere al Times da Capri borbonica”


Alla Fondazione Valenzi la presentazione del libro di Roberto Ciuni “Lettere al Times da Capri borbonica”
04/11/2011, 15:11

“Lettere al Times da Capri borbonica”: questo il titolo del libro di Roberto Ciuni e curato da Ernesto Mazzetti, edito da La Conchiglia, che si presenterà a Napoli al Maschio Angioino lunedi 7 Novembre dalle 17, nella sede della Fondazione Valenzi, l’istituzione internazionale dedicata a Maurizio Valenzi, l’ex parlamentare italiano ed europeo, sindaco a Napoli dal 1975 al 1983.

Dopo i saluti della Presidente della Fondazione Lucia Valenzi, seguirà il dibattito tra lo storico Francesco Barbagallo e i giornalisti Anna Maria Boniello, Ermanno Corsi e Eleonora Puntillo. Sarà presente il curatore.

Lettere al Times da Capri borbonica
Una targa marmorea nel cortile del Municipio di Capri rende omaggio alla memoria del cittadino onorario Henry William Gardiner Wreford, corrispondente di “The Times” ed altri giornali inglesi nei decenni in cui maturò la fine del Regno delle Due Sicilie. Chi era e cosa scriveva questo gentiluomo britannico che a Capri aveva messo su casa e famiglia e possedeva due ville, con terreni e vigneti?

Questo volume, che vede purtroppo la luce dopo la scomparsa dell’Autore, dà ulteriore prova dell’acume giornalistico di Roberto Ciuni e della sua capacità di fornire ricostruzioni storiche di ampio respiro pur muovendo da figure e circostanze apparentemente marginali rispetto ad eventi di maggior rilevanza. Dal ritratto che traccia di Wreford emerge un personaggio che, negli anni dello sconvolgimento e della fine del Regno delle Due Sicilie, ebbe non poca influenza nella diffusione di sentimenti anti-borbonici nell’opinione pubblica britannica. Il Regno come «negazione di Dio in terra», secondo la frase, divenuta celebre, di sir Gladstone.

La vita privata di Wreford in quella Capri ove s’era creato una famiglia alternativa a quella lasciata in Inghilterra, s’intreccia con eventi politici – le spedizioni dei patrioti Bandiera e Pisacane, l’attentato di Agesilao Milani, le sommosse del ’48 e relativi processi – ma anche con calamità naturali (eruzioni, terremoti) e terribili epidemie che sconvolsero il Sud nell’Ottocento.

Il caso ha voluto che questo lavoro di Ciuni, sebbene iniziato 15 anni fa, giunga a pubblicazione nel periodo in cui l’Italia celebra i 150 anni dell’Unità nazionale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©