Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Alla galleria Principe di Napoli l'annuale pranzo di beneficenza promosso dalla Camera di Commercio di Napoli


Alla galleria Principe di Napoli l'annuale pranzo di beneficenza promosso dalla Camera di Commercio di Napoli
22/12/2012, 11:27

Sono attesi in oltre mille, sabato 24 dicembre alle 12.30, al tradizionale pranzo di beneficenza promosso dalla Camera di Commercio partenopea nella Galleria Principe di Napoli. L'iniziativa, giunta alla diciassettesima edizione, rientra negli eventi del programma “Il Nostro Natale” dell’ente camerale partenopeo ed è realizzata dall'Associazione Amici della Galleria onlus con la collaborazione di diversi sponsor.

Per gli ospiti della “Vigilia Insieme”, è stato preparato un menu nel solco della tradizione: prosciutto e mozzarella, pennette alla Maria Carolina, frittura di calamari e gamberi, rollè di vitello, patate al forno e broccoli di Natale, cassatine, panettone, vino bianco e vino rosso, acqua minerale e spumante. I volontari (circa 200 tra i quali anche scout) allestiranno tavole imbandite con bicchieri di cristallo e posateria per ogni portata, e addobbi natalizi. Saranno offerti pacchi dono e la manifestazione, che si svolgerà con la collaborazione dell'Ordine Costantiniano della Real Casa di Borbone e sarà allietata da musiche e canti. Grazie all'intervento degli sponsor saranno anche distribuiti pacchi dono e sarà allestito un albero di Natale, alto circa 7 metri e composto da 250 piantine regalate alle donne che partecipano al pranzo. Interverrà anche il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris.

 “La casa delle imprese - spiega Maurizio Maddaloni, presidente della Camera di Commercio - vuole essere concretamente vicina a chi è nel bisogno specie in un momento nel quale più forti si evidenziano le contraddizioni. La solidarietà è il tema dominante delle iniziative realizzate nell’ambito di “Il Nostro Natale, un programma di eventi incentrato sulla promozione delle attività imprenditoriali e turistiche che non dimentica però i più deboli e i più bisognosi”. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©