Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Alla GAM di Milano presentazione del libro "Insolite Natività. Un itinerario d’arte in Lombardia"


Alla GAM di Milano presentazione del libro 'Insolite Natività. Un itinerario d’arte in Lombardia'
07/12/2012, 15:22

Appuntamento alla Galleria d'Arte Moderna per un incontro sul tema del Natale. Un libro svela strane rappresentazioni e piccoli enigmi nascosti in 30 capolavori del passato, si tratta del volume "Insolite Natività, un itinerario d'arte in Lombardia - Milano, Galleria d'Arte Moderna, Sala da ballo, via Palestro 16 Mercoledì 12 dicembre, ore 18.30 a cura dell'Associazione Amici della Galleria d'Arte Moderna. Presentazione del libro edito da Interlinea ne parlano Paola Zatti, conservatore Galleria d'Arte Moderna Armando Besio, La Repubblica con l'autrice Chiara Gatti e l'editore.

C’è qualcosa di misterioso, un personaggio strano, un dettaglio bizzarro, un aneddoto di cui molti ignorano l’esistenza. C’è qualcosa di inaspettato in alcune natività che sfuggono alle regole del classico presepe. In questo libro, piccolo ma originale, sono trenta i capolavori dell’arte di tutti i secoli che, frutto dell’estro geniale di maestri lombardi, nascondono all’ombra della capanna di Betlemme enigmi e segreti tutti da raccontare. Dal significato della prima immagine di Cristo in fasce nel Sarcofago di Stilicone in Sant'Ambrogio, al dramma della levatrice scettica che si bruciò la mano testando la verginità della Madonna raffigurata a Castelseprio. Dal sonno dei Re Magi ritratti in lettini colorati come quelli dei bambini in Sant'Abbondio a Como, alla tenuta da viaggio di San Giuseppe, che si scopre aver lasciato sola Maria nel momento del parto per correre alla ricerca di un’ostetrica; immagine curiosa da ammirare fra le vetrate del Duomo. E, ancora, dalle sfilate cortesi nelle adorazioni del Quattrocento, fino alle notti buie, rischiarate da luci improvvise, nel secolo cupo della Controriforma. In un viaggio popolato di voci fuori del coro, la storia della natività non avrebbe potuto essere più sorprendente.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©