Cultura e tempo libero / Viaggi

Commenta Stampa

ALLA SCOPERTA DI AMSTERDAM...


ALLA SCOPERTA DI AMSTERDAM...
31/01/2008, 10:01

La Venezia del Nord, come è stata ribattezzata Amsterdam, è una città bellissima, romantica, internazionale ed estremamente affascinante. Piccola, tanto da potersi visitare in due o tre giorni, questa capitale europea offre al visitatore tutto quello che esso può desiderare: divertimento, romanticismo, arte, natura, cultura e tanto altro ancora.
Arrivati alla Centraal Station, che è di per sé un monumento, si arriva quasi già nel cuore della città, di fronte ai canali, alla bellissima chiesa di San Nicola e alle particolari case dai tetti e colori tipicamente olandesi.
Le chiese sono tantissime, e tutte in stile gotico tipico dei paesi settentrionali dell’Europa. Tutte le strade portano in piazza Dam (la parola dam significa diga. Amsterdam, dunque, corrisponde a “diga di Amster”) la piazza principale che ospita la Chiesa nuova, bellissima, il Palazzo reale e il Madame Tussauds, dove alle statue di cera si aggiunge una bella vista della città. Da una strada della piazza si vede il Centro Commerciale Magna Plaza, il più importante della città, molto bello fuori, non particolarmente ricco dentro.
Una passeggiata meritano le strade lungo i canali, magari da farsi in bicicletta.
Chi avesse più tempo per visitare la città, può scegliere di utilizzare uno o due giorni per girare l’Olanda, o con il treno da soli, o con i tour organizzati. Molto interessante è il tour a Nord di Amsterdam: si visitano i famosi mulini a vento, le fabbriche di zoccoli e i caseifici dove si producono i famosi formaggi olandesi. Fa un po’ gita scolastica, ma è divertente e consente di incontrare molti altri italiani. In particolare la cittadina di Volendam, villaggio di pescatori, offre un panorama bellissimo: casette variopinte, stradine di negozietti, un lago artificiale e delle leccornie da non perdere, come i gamberi e il pan cake.
Mangiare ad Amsterdam significa scegliere tra tutte le cucine internazionali: un discorso a parte merita la cucina tailandese, considerata tipica cucina olandese per via delle rotte coloniali che gli olandesi avevano con l’Asia e in particolare proprio con la Thailandia. A proposito di Asia, per chi fosse appassionato di antropologia, il Tropenmuseum offre una collezione di oggetti tribali da tutti i luoghi della colonizzazione olandese, con percorsi tematici e alcune visite interattive.
Gli altri musei da non perdere sono il Rijksmuseum e il Van Gogh Museum, che ospita una grande quantità delle opere del grande artista olandese.
Non dimenticate di comprare al supermercato gli Speculaas, biscotti speziati profumatissimi tipici di Amsterdam. Possono rappresentare anche un souvenir da portare a parenti ed amici oltre, ovviamente, ai classici zoccoletti olandesi: ce ne sono di tutte la fogge e grandezze e, soprattutto, di tutti i prezzi.

Commenta Stampa
di Serena Riviezzo
Riproduzione riservata ©