Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

All'hotel Cala Moresca si ride con Antonio Riscetti


All'hotel Cala Moresca si ride con Antonio Riscetti
11/12/2009, 09:12


NAPOLI - Napoletani, popolo di poeti, santi e cabarettisti. Comici spassosi e coinvolgenti come il riccioluto Antonio Riscetti che, sabato 12 dicembre alle 21, sbarcherà all’Hotel Club Cala Moresca di Capo Miseno (Bacoli- Napoli) per dar vita a un’esilarante cena-spettacolo.
Un appuntamento assolutamente da non perdere dedicato a ghiottoni esigenti che a un menu da leccarsi i baffi amano abbinare ottimo vino e tante risate.
Per l’occasione, nella panoramica sala dinner dell’albergo di Bacoli Riscetti proporrà il suo cavallo di battaglia dal titolo “Osservazioni alla finestra”.
«Lo spettacolo – spiega il simpatico cabarettista - altro non è che il risultato di una serie di osservazioni su quello che accade nella società di oggi. Società in cui l’ansia e la velocità la fanno da padrone. Con tutto quel che ne segue come ad esempio errori che possono sembrare madornali e che invece non sono altro che il risultato di un atteggiamento di autodistruzione insito in molti di noi, persone non soddisfatte della vita che conducono. Persone bisognose soprattutto d’amore. Parlerò inoltre – continua - del cattivo utilizzo del tempo libero, di come sta cambiando il mondo del lavoro e della tecnologia che sta diventando sempre più soffocante. Ci saranno dei miei pareri su come usarla meglio e su quello che invece è meglio evitare. E infine darò consigli su come fare shopping, come conoscere la ragazza dei propri sogni e poi come sopportarla. Alla fine lo spettacolo si traduce in un inno alla vita e un invito all’ottimismo».
Lo chef Michele Scotto Rosato presenterà, invece, pesce bandiera marinato, julienne di seppie con radicchio, polpo con finocchi, crespelle con polpa di granchio, conchiglia di cappasanta farcita, paccheri con bianchetti, pesce spada alla griglia, insalatina vellutata, ananas al maraschino e moka. Innaffierà la cena Greco di Tufo dell’Azienda Castelfranci.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©