Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Amalfi 'Puliamo il Mondo', una giornata per l'ambiente


Amalfi 'Puliamo il Mondo', una giornata per l'ambiente
26/09/2011, 15:09

Una giornata all'insegna dell'ambiente quella svoltasi nella Valle delle Ferriere, organizzata dal circolo di Legambiente "Vivi la Natura", che ha contato oltre quaranta partecipanti, tra adulti, giovani e bambini, uomini e donne con uno scopo ben preciso, ripulirla dai rifiuti.

Ma quella di oggi è stata soprattutto l'occasione per lanciare un monito contro l'abbandono e l'incuria dell'uomo, troppo spesso ingeneroso col mondo che lo circonda, e richiamare l'attenzione sui dissesti troppo spesso causa di tragedie.

Alla giornata ecologica, voluta da Legambiente e sostenuta dal presidente regionale Michele Bonomo, e dal Comune di Amalfi, dall'assessore all'Igiene e Ambiente, Matteo Bottone che ha partecipato personalmente all'iniziativa, ha avuto tra gli ospiti il Sindaco di Atena Lucana, Sergio Annunziata, uno dei principali artefici in provincia di Salerno delle "buone pratiche" nella differenziazione dei rifiuti.

Atena Lucana con più di mille abitanti, da circa dieci anni effettua la raccolta differenziata del tipo "porta a porta", raggiungendo mediamente quote di raccolta del 90%. Non a caso il centro dell'area del Valdiano ha ottenuto diverse volte da Legambiente il Premio 'Comuni Ricicloni'., ed in virtù dell'ottimo funzionamento della raccolta rifiuti, ad Atena si applicano tariffe TARSU fra le più basse della provincia di Salerno.

Una giornata che va raccontata ed è questa la cronaca.
Raduno a Piazza dello Spirito Santo di Amalfi, dove i ragazzi di Legambiente e i promotori del Lemon Tour, tra cui il presidente Marco Aceto, hanno allestito uno stand informativo e di promozione dell'iniziativa.

Dopo la consueta distribuzione dei kit (guanti, casacca di Puliamo il mondo, cappellino e altri gadget, si parte, per una sei tappe intervallate, dalla narrazione dei luoghi grazie ai ragazzi di Legambiente, approfonditi dallo storico amalfitano prof. Giuseppe Gargano.

E così salendo, salendo per le lunghe e ripide scale, dalla cartiera Alviggi - Confalone con annesso sistema di vasche, si è andati passando per la Chiesa dedicata alla Madonna del Rosario, da cui è possibile ammirare i terrazzamenti di limoni e lo "spandituro" della Cartiera Lucibelli.

Uno scenario davvero eccezionale che si apre verso la Valle delle Ferriere, di un percorso lungo cui è possibile ammirare la cartiera dell'ultimo cartaro amalfitano il cav. Nicola Milano, donata al comune di Scala. E poi sosta alla centrale elettrica prototipo di eco - industria, e di nuovo fin su alle porte della Ferriera, cuore pulsante dell'industria artigianale amalfitana.

Un percorso attraverso scorci del fiume Chiarito, che con i suoi balzi d'acqua, ed insenature, giochi di luce e la frescura degli alberi di alto fusto e tra resti di antiche cartiere sembra portarti indietro nel tempo.

Le operazioni di pulizia che si sono svolte lungo tutto il tragitto si sono concentrate soprattutto nelle adiacenze della vecchia Ferriera e qui tra anfratti, ben mimetizzati, sono stati non pochi i rifiuti raccolti dai volontari, che li hanno differenziati, per quanto possibile, nelle apposite buste a loro distribuite.

Poi una puntatina alla riserva delle Ferriere a quota 275 mt sul livello del Mare, dove grazie a personale del Corpo forestale dello Stato si è apprezzata la magnificenza di un luogo giustamente dichiarato riserva Naturale Orientata, nell'ambito del Parco dei Monti Lattari.

Pochissime soste, e tanto cammino, e poi giù per portare dalla Valle alla rotabile i rifiuti raccolti. Giusto il tempo per una foto ricordo dei partecipanti all'iniziativa e dopo 4 ore di cammino, e 4 km percorsi si è tornati al campo base.

Una giornata da non dimenticare, che molti hanno voluto dedicare all'ambiente e in quell'emozionante habitat naturale, il ricordo è andato idealmente a Francesca Mansi, vittima un anno fa della furia del Dragone, e la cui morte ha forse insegnato agli uomini ciò che "Puliamo il Mondo" si prefigge da sempre, educare al rispetto dell'ambiente e richiamare le coscienze sul tema dell'incuria e dell'impegno nel salvaguardare i difficili equilibri che regolano l'ambiente che ci circonda.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©