Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

AMBIENTE: A CAPODIMONTE UNA DOMENICA DI GIOCO E VERDE


AMBIENTE: A CAPODIMONTE UNA DOMENICA DI GIOCO E VERDE
03/04/2008, 15:04

Anche quest'anno Legambiente, con il patrocinio del Ministero dell'Ambiente e dell'ANCI, promuove l'iniziativa "100 Strade per Giocare" dedicata alla vivibilità degli spazi urbani da parte dei cittadini. L'iniziativa - prevista per il prossimo 6 aprile - giunge quest'anno alla 14° edizione ed avrà il patrocinio del Ministero per l'Ambiente e quello dell'ANCI. Tanti i motivi per essere in piazza, dicono i promotori: la questione rifiuti, la sicurezza di strade e piazze, la qualità dell'aria, il problema dell'inquinamento acustico, ma soprattutto la riscoperta della strada come luogo di incontro fra diverse generazioni e culture. Questo è il motivo che ha spinto  l'Associazione Via Nova, che opera prevalentemente nella zona di S. Teresa degli Scalzi e il Comitato "Napule nun'é  `na carta sporca", che opera nella zona di Corso Amedeo di Savoia ad unirsi allo storico Circolo Neapolis 2000 di Legambiente con il patrocino della III Municipalità, per organizzare tutti insieme l'appuntamento di domenica 6 aprile 2008 all'Emiciclo di Capodimonte dalle ore 10,30 alle 13.00.Anche in collaborazione con la UISP - Comitato Regionale Campania e tanti animatori volontari, sarà animata da giochi tradizionali (corsa con i sacchi, tiro alla fune, gioco del fazzoletto ecc.), dallo spettacolo di guarattelle "Storie di Pulcinella" del maestro Bruno Leone, da musica, balli, palloncini colorati e tanta raccolta differenziata."Almeno per un giorno - dicono i rappresentanti delle associazioni organizzatrici, Giovanni Lamagna, Anna Vigna, Flora De Blasio assieme a Carmine Maturo di Legambiente Campania - ci piace pensare che sia possibile uscire dal fumo quotidiano, di vivere una città, più pulita, più bella e più gentile". La manifestazione è stata realizzata anche grazie al sostegno del Banco di Napoli.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©
SONDAGGIO.

Tour de force Napoli. Come gestirlo?