Cultura e tempo libero / Tv

Commenta Stampa

Il servizio andrà in onda sabato prossimo

Ambiente: Linea Blu a Vico Equense


Ambiente: Linea Blu a Vico Equense
19/11/2009, 14:11


VICO EQUENSE - Le telecamere di Linea Blu a Vico Equense. Nei giorni scorsi la conduttrice Donatella Bianchi e l’intero staff del programma Rai dedicato all’ambiente marino hanno visitato coste e fondali della penisola sorrentina per realizzare un servizio che andrà in onda nel corso della puntata di sabato 21 novembre. Le bellezze che caratterizzano il paesaggio costiero e sottomarino, il pericolo della pesca illegale, l’azione di monitoraggio e controllo effettuata dagli operatori dell’Area marina protetta Punta Campanella e dai sub del Nucleo sommozzatori Avf – Protezione civile del Comune di Vico Equense, questi sono solo alcuni degli argomenti su cui la giornalista ha focalizzato l’attenzione. Al suo microfono il referente del gruppo sommozzatori Emilio Cangiano ha spiegato l’importanza della collaborazione tra i due enti e dell’attività di monitoraggio subacqueo. Gli operatori, infatti, effettuano ispezioni con cadenza settimanale, raccogliendo dati sullo stato dei luoghi, sull’eventuale presenza di attrezzi di pesca illegali o materiali da discarica, sui danni causati da tecniche di pesca non lecite o non consentite nella zona di tutela biologica. Affiancata a tale attività, quella di controllo delle coste, con conseguenti segnalazioni degli illeciti riscontrati. Il nucleo sommozzatori Avf – Protezione civile è costituito da esperti sub con brevetti di livello superiore e tutti in grado di far fronte a necessità di intervento in mare e sott’acqua. E’ una realtà nata da pochi mesi grazie all’impegno dell’amministrazione comunale. “Il gruppo ha fornito alla nostra protezione civile una caratterizzazione completa – afferma Antonio Di Martino, consigliere comunale e promotore dell’iniziativa – che rispecchia il territorio in cui viviamo, fatto di mare, collina e montagna. Siamo l’unico Comune nella provincia di Napoli a possedere un nucleo sommozzatori e ad offrire un tale servizio. La collaborazione con gli amici dell’Area marina protetta Punta Campanella ha reso ancora più importante tale impegno”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©