Cultura e tempo libero / Tv

Commenta Stampa

La testimonianza di Sara

Amici: provinanti trattati come "bestie"?


Amici: provinanti trattati come 'bestie'?
12/06/2009, 11:06

Sara è una giovane aspirante cantante che, come tanti altri, quest'anno ha voluto provare ad entrare a far parte degli "studenti" del famosissimo talent show di Canale 5. Armata di tanta passione, altrettanta ingenuità e un pizzico di presunzione ("Sinceramente penso che se tornassi e mi ascoltassero come si deve, potrei benissimo essere presa", afferma sicura la ragazza), la ragazza è però tornata a casa carica di delusione e amarezza. "L'avventura" di Sara parte alle 5 del mattino: la giovane prende il treno e, dopo due ore di viaggio, raggiunge i cancelli di Cinecittà. Sono le sette e, insieme a lei, ci sono un migliaio di altri giovani aspiranti artisti. I provini iniziano due ore dopo, alle 9.
Sara però non sarà ascoltata prima delle ore 12:30: le fanno cantare un paio di righe della canzone che aveva scelto e poi la congedano. Successivamente, tutti i provinati, vengono divisi in due gruppi: quelli che hanno bisogno di mangiare e quelli che hanno necistà di andare al bagno. La giovane vorrebbe riempirsi lo stomaco oramai brontolante ma, essendo stata l'ultima cantante ascoltata, non ha il tempo di mettersi in fila alla mensa che viene subito richiamata, insieme agli altri ragazzi, e fatta accomodare sugli spalti dello studio dove si registra il programma. Lei e gli altri rimarrano seduti sotto i faretti cocenti dello studio fino alle 16:30; orario in cui, finalmente, inizieranno le registrazioni della puntata.
Due ore dopo, alle 18:30, inizieranno i secondi provini (i primi vengono definiti "una perdita di tempo" da Sara che, nel suo racconto, precisa:"Noi maggiorenni siamo stati solo sentiti, ma non è stata fatta alcuna "scrematura" mentre i minorenni facevano solo quel provino"). L'aspirante cantante sarà ascoltata per la seconda volta alle 20 e, dopo aver cantato le solite due righe, verrà scartata e congedata. "Ero molto arrabbaiata, sono arrivata a casa a mezzanotte passata senza colazione, pranzo, cena e senza nemmeno essere stata ascoltata!", commenta delusa e annuncia che, in ogni caso, l'anno prossimo, quasi sicuramente ci riproverà. Sempre secondo la giovane, anche gli altri ragazzi "erano tutti molto stanchi e incazzati!". Dopo aver ascoltato la sua storia, noi ci terremmo a rassicurare Sara; ricordandole che, di sicuro, lei non è un caso isolato e che, come lei, ogni anno, ai provini di Amici, migliaia di ragazzi vengono presi... per i fondelli. Scherzi a e battute a parte, di sicuro, non si può dare tutta la colpa a Maria e ai suoi "amici" se, una giovane ambiziosa, prevedendo quasi 6 ore di viaggio e una giornata dura, non si cura di portare con se da casa nemmeno un panino e si aspetta, in maniera molto ingenua e un po' presuntuosa, di spuntarla al primo tentativo contro migliaia e migliaia di giovani magari anche più preparati di lei (Luca Napolitano, ad esempio, è stato scartato 4 volte prima di riuscire a farcela). Di sicuro, il consiglio sincero e utile che si può dare, è di non illudersi troppo e di rendersi conto che, tali "scorciatoie" al successo presentate da programmi simili, sono quasi sempre mere illusioni e, nella realtà, risultano molto più ardue e tortuose da percorrere rispetto alle "strade maestre" che solitamente vengono intraprese per raggiungere fama e seguito!

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©

Correlati

15/06/2009, 13:06

Povia vince il Premio Mogol