Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Amnesty International e l'economia globalizzata


Amnesty International e l'economia globalizzata
03/06/2011, 15:06

Negli ultimi vent'anni il business ha reso metà delle economie più potenti al mondo, aziende più che Stati. Risultato: gli interessi monetari contano molto di più del benessere dei propri cittadini. E poco importa se ci sono soggetti che sfruttano il territorio, inquinano i corsi d'acqua, trascinano donne e uomini ancora più a fondo nella povertà. La globalizzazione ha generato potere e influenza senza precedenti per le imprese, agevolate dalla mancanza di strumenti efficaci che le faccia rispondere dei propri errori. Tutto ciò deve finire, sostiene Amnesty International. Oggi più che mai sono necessarie riforme radicali.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©