Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

Il libro del padre Mitch

Amy Winehouse, droga ovunque ed un ex senza scrupoli


Amy Winehouse, droga ovunque ed un ex senza scrupoli
26/06/2012, 16:06

Un anno fa moriva tragicamente Amy Winehouse . A distanza di tempo, il padre Mitch scrive di lei nel libro 'Amy my daughter', su alcuni episodi accaduti mentre la figlia si trovava in clinica di riabilitazione.
Droga nascosta nei fiori, nei peluche, tentativi estremi di introdurre cocaina in ospedale, le crisi della cantante. “Mentre mia figlia si trovava in clinica per la riabilitazione - racconta il padre - ho ricevuto una telefonata dall'ospedale per dirmi che uno degli amici di Blake (l'ex marito di Amy) aveva nascosto della droga all'interno di un orsacchiotto per introdurla nell'ospedale”.  Ma non solo, Mitch racconta che il 16 giugno del 2011, Amy ha avuto un'altra crisi ed è stata portata alla London clinic. “C'erano dei ragazzi a vigilare e si davano i turni, il giorno dopo ho ricevuto una telefonata da uno di loro per avvertirmi che era arrivato un pacchetto per Amy. Sono saltato sul taxi e ho raggiunto la clinica appena in tempo per vedere un noto spacciatore con un mazzo di fiori per Amy. L'uomo della sicurezza ha controllato il bouquet scovando la cocaina. Amy era impazzita quando ha saputo che avevamo intercettato la droga”.Un racconto duro, che svela molti retroscena suli ultimi mesi della cantante, con chiare ed esplicite accuse all'ex marito della figlia, Blake Fielder Civil. Secondo il padre, sarebbe stato Blake ad iniziare Amy all'uso delle droghe pesanti quando lei era del tutto contraria. La cantante, dopo essersi sposata di nascosto con Blake, ha trascorso due anni turbolenti così come lo sono stati quelli successivi al divorzio.

Commenta Stampa
di GB
Riproduzione riservata ©