Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

Ancora sana movida e grande musica nella piazzetta dell’Orientale


Ancora sana movida e grande musica nella piazzetta dell’Orientale
05/04/2013, 12:00

Venerdì 5 aprile alle ore 22 sul palco di largo san Giovanni maggiore a Pignatelli si terrà il live  “Malatammorra” con la Paranza di Peppino Di Febbraio. La Paranza Di Febbraio è erede dell’antica tradizione di canti e balli popolari della zona giuglianese che si distingue da altri balli della tradizione per la presenza del flauto, sovrano incontrastato del ritmo, a cui si ispirano il canto asincrono e il ballo di sfida tra i danzatori. La famiglia Di Febbraio, da oltre tre generazioni, rispetta e trasmette il senso vero della tradizione popolare e, come un tempo, vive nei principi della condivisione e della convivialità  in linea con lo spirito della manifestazione “La movida dell’Orientale” che risponde con la musica e il sano divertimento al degrado e agli episodi di violenza. La serata, all’insegna del ritmo coinvolgente della tammurriata,  è organizzata con il patrocinio del Comune di Napoli e la collaborazione di Jesce Sole. La manifestazione “La movida dell’ Orientale è  fortemente voluta dai commercianti della zona dove sorge l’Istituto Orientale che hanno costituito l’associazione “La movida dell’Orientale”. Gli organizzatori, soddisfatti del successo che sta ottenendo la manifestazione, ribadiscono a gran voce che solo grazie alla musica e alla buona volontà della società civile la città può reagire alla violenza, al degrado, all’ignoranza, senza aspettare troppo l’aiuto delle istituzioni. Largo San Giovanni Maggiore a Pignatelli, grazie a questa forza di volontà, grazie all’impegno e alla dedizione dei cittadini, grazie agli artisti che hanno abbracciato questa causa,  è diventata il simbolo del fare, senza restare a guardare, senza piangersi addosso. Grazie ad una manifestazione come LA MOVIDA DELL’ORIENTALE, largo San Giovanni Maggiore a Pignatelli  quindi è di nuovo attrattore di cultura, musica, sano divertimento e civiltà. Durante la serata  ci sarà una raccolta fondi per la ricostruzione di Città della Scienza


Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©