Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Angri città sociale:i risultati e le proposte


Angri città sociale:i risultati e le proposte
15/02/2010, 13:02

Venerdì 5 febbraio 2010, nella sala Teatro della Chiesa Madonna delle Grazie, di cui si ringrazia il Parroco per la cortese ospitalità, si è svolta la manifestazione pubblica “Angri città sociale”, promossa dalla Nuova Comunità Locale. All’incontro, fondato sulla consapevolezza che le politiche sociali non devono limitarsi ad assistere chi ha bisogno ma debbono influenzare direttamente l’intera organizzazione della società e della città, hanno partecipato numerosi cittadini. La manifestazione è stata introdotta dal candidato sindaco Gaetano Saporito che ha ribadito i temi fondamentali della battaglia politica che la Nuova Comunità Locale ad Angri ha intrapreso contro il degrado sociale ed urbano, contro le opache pratiche politiche, battendosi per la reale partecipazione dei cittadini al governo della città. Saporito, ha proposto inoltre, di inserire nello Statuto Comunale e regolamentarlo, il “tavolo della solidarietà sociale”, composto da associazioni religiose e laiche. La risposta della sala è stata eloquente, si sono alternati numerosi interventi del pubblico presente. Si è così realizzata una prima reale esperienza di partecipazione. Presenti in sala anche alcune lavoratrici di “Casa Serena” che hanno trovato la possibilità di lanciare un grido d’allarme e sollecitare l’attenzione sulla propria particolare condizione lavorativa.
 
Dopo anni, nella nostra città, si è assistito, finalmente, ad un vivo confronto tra cittadini che hanno potuto discutere sulle tematiche sociali ed hanno potuto denunciare lo stato di degrado e di abbandono da parte dell’amministrazione comunale. È stata avvertita da più persone la mancanza di armonia, perché è decaduto il vivere civile; infatti, non si rispettano le regole elementari di convivenza: rispetto del verde pubblico, deposito irregolare dei rifiuti, parcheggi selvaggi. È stata inoltre, lamentata la mancanza di un vero Assessorato alla Cultura, che non era stato previsto nell’ultima Giunta. A tal proposito, i presenti hanno ribadito il necessario recupero del Castello Doria, quale cuore pulsante della città, che deve essere collegato tramite percorsi pedonali sicuri e, soprattutto, è stato richiesto il rispetto del piano di traffico che, pur essendo stato approvato e quindi è già legge, non trova ancora applicazione.
 
Nell’incontro di venerdì è stato nuovamente esposto il progetto elettorale della Nuova Comunità Locale, che propone innanzitutto lo stanziamento di 1,5 milioni di euro per le politiche sociali, un piano di lavori ordinari e straordinari per tutte le strutture delle scuole angresi. Ogni studente angresi deve poter usufruire della mensa scolastica e del tempo prolungato. Il diritto allo studio è, infatti, il problema prioritario della Nuova Comunità Locale, che pensa anche a recuperare dal degrado la zona pedemontana che ospita il liceo cittadino. I giovani, in special modo, essendo “risorsa della società”, devono poter partecipare alla vita pubblica della città. La partecipazione dei giovani alla vita democratica avviene ad Angri solo attraverso attività non istituzionali (associazioni, gruppi di volontariato). Al contrario il massimo livello di partecipazione consiste nell’intervenire ad influenzare la costruzione dei progetti amministrativi, partendo dalla definizione dei bisogni, delle aspettative e degli obiettivi dei progetti messi in campo.
 
Per promuovere progetti utili è fondamentale conoscere le aspirazioni e i bisogni del territorio e promuovere tavoli di confronto per evitare di sprecare il danaro pubblico. È necessario offrire pari opportunità per la cittadinanza attiva dei giovani in applicazione della Carta europea della partecipazione dei giovani alla vita comunale e regionale. In tale prospettiva, la Nuova Comunità Locale, che progetta l’istituzione dell’assessorato alle politiche giovanili, sta lavorando all’organizzazione di una nuova manifestazione pubblica che si svolgerà nei prossimi giorni.
 
La Nuova Comunità Locale ha in calendario anche un incontro sul tema dell’acqua pubblica, attuale più che mai. Venerdì il candidato sindaco Saporito ha lanciato la sfida di riuscire a garantire gratuitamente, ad ogni cittadino in difficoltà, i primi 50 litri di acqua pro capite giornalieri.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©