Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Anna Oxa in scena al teatro Bellini di Napoli


Anna Oxa in scena al teatro Bellini di Napoli
09/04/2013, 11:46

Un'artista mai banale, un’interprete dalla vocalità e dal fascino unici, un’icona che per stile e personalità ha lasciato e continua a lasciare un segno indelebile nell’immaginario collettivo. Anna Oxa torna a Napoli lunedì 15 aprile alle 21, per presentare al teatro Bellini il suo nuovo spettacolo OXA HISTORY IN CONCERT”. Un concerto antologico, con il meglio di oltre trent’anni in musica, dagli esordi del 1978 ad oggi.

 

L’artista italo albanese, accompagnata sul palco da Marco Falagiani (piano, hammond, tastiere), Mattia Tedesco (chitarre), Giambattista Giorgi (basso) e Paolo Valli (batteria), torna a riproporre dal vivo i suoi più grandi successi. Con “History in concert”, la Oxa rivive in musica i momenti più emozionanti di una carriera sbalorditiva, fatta di numeri impressionanti: 23 album a suo nome, da “Oxanna” a “Proxima”, 2 vittorie al Festival di Sanremo (nel 1989 con “Ti lascerò” in duetto con Fausto Leali e nel 1999 con “Senza pietà”), 14 partecipazioni al Festivalbar, 2 conduzioni di Fantastico su Rai1. Numeri che parlano da soli, che danno l’idea della cifra artistica della cantante e di una vita musicale intensa, costellata di collaborazioni con i più grandi nomi della canzone italiana: da Giorgio Gaber a Rino Gaetano, da Fausto Leali a Fabio Concato, da Lucio Dalla ad Ivano Fossati. Per lei hanno scritto gli autori più importanti del nostro tempo, solo per citarne alcuni: Alberto Salerno, Mario Lavezzi, Pasquale Panella, Roberto Vecchioni, Pacifico e Fio Zanotti, compositore ed arrangiatore con cui continua tuttora un’intensa collaborazione artistica.

 “Oxa History in concert ” è un viaggio nella storia della musica italiana, che altro non è che la storia di Anna Oxa. Il tour, iniziato con un sold out il 22 marzo al Teatro Sistina di Roma, oltre a Napoli farà tappa nelle principali città italiane - dal teatro Colosseo di Torino alla Obi Hall di Firenze, dal teatro Nazionale di Milano all’auditorium Manzoni di Bologna - ripercorrendo le tappe fondamentali della carriera di un’artista che ha lasciato un segno indelebile nel panorama musicale italiano degli ultimi anni. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©