Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

Il lavoro di Ferdinando Maddaloni giunge al teatro de Poche

"Anna Politkovskaja - Concerto per voce solitaria”


'Anna Politkovskaja - Concerto per voce solitaria”
18/11/2010, 15:11

Diventato l’elemento centrale dell’omonimo concerto spettacolo rappresentato nelle piazze più importanti d’Italia e in importanti rassegne di Teatro Civile come “I Teatri della Legalità”, l’interessante e coinvolgente documentario di Ferdinando Maddaloni, “Anna Politkovskaja - Concerto per voce solitaria”, dopo essersi ulteriormente affermato come applaudito lavoro teatrale, giunge dal prossimo 26 novembre al Teatro de Poche. Una messinscena quella dell’attento attore, regista, scrittore ed actor’s coach, originario di San Giorgio a Cremano, che si è presto mostrata capace di portare l’esempio e le riflessioni della coraggiosa giornalista russa all’interno di numerose scuole per ricordare e sostenere quanti, ad armi impari, si battono quotidianamente in tutto il mondo per la libertà. “Si tratta - spiega Ferdinando Maddaloni - di un percorso drammaturgico che, a partire dall’esempio di Anna  Politkovskaja, tenta di scuotere  le coscienze di noi tutti, intorpidite da un sapiente e strumentale uso dei mezzi di comunicazione abili a  trasformare il legame tra arte ed informazione in una deleteria disinformazione ad arte”. Ed è così che dopo aver vinto il “Premio Opera Imaie” 2009, il  “Salento Finibus Terrae 2009” ed  il   “Sardinia Film Festival 2010”, il documentario di Maddaloni dedicato alla giornalista russa uccisa Anna Politkovskaja, prosegue il suo emozionante tour in giro per l’Italia facendo tappa dal 26 al 28 novembre ed ancora dal 3 al 5 dicembre, nel significativo e sempre più apprezzato spazio napoletano del de Poche in via Salvatore Tommasi. Alla fine della proiezione, con il montaggio video di Giuseppe De Vita,  sulla scia del teatro canzone di gaberiana memoria, la graffiante ironia di Ferdinando Maddaloni, la profonda sensibilità dell’attrice Carmen Femiano, l’irriverente chitarra del cantautore Nicola Dragotto (autore delle musiche) accompagnato alla fisarmonica e al violino da Vittorio Cataldi, daranno vita ad una performance teatrale e musicale mirata a quella ardua impresa di risvegliare le sopite coscienze. Un viaggio collettivo sui binari della corretta informazione, attraverso le stazioni dell’assurdità umana, con fermate previste in Russia, Stati Uniti ed Italia, nel nome di una donna che “scriveva quello che vedeva”. Attestatosi come uno dei primi lavori imperniati sulla figura di Anna Politkovskaja, il documentario da cui prende forma l’attuale performance teatrale, è stato prodotto dall’Associazione Angus 89 di Roma. Scritto, diretto e interpretato nel 2007 da Ferdinando Maddaloni (con le voci fuori campo di Carmen Femiano e Tina Femiano e la colonna sonora di Nicola Dragotto) il lavoro è stato poi aggiornato nel 2010 dopo gli omicidi di Stanislav Markelov, Anastasia Baburova e Natalia Estemirova,  diventando un piccolo cult per la sua “poetica atipicità” (come è stato definito dalla giuria del Roma Fiction Fest 2008) nonchè oggetto di diversi servizi da parte della Rai Radiotelevisione Italiana e della Novaja Gazeta di Mosca. Dopo i due fine settimana al de Poche, un importante tour attende il lavoro di Maddaloni con tappe previste il 29 novembre a Prato al cinema Terminale, il 22 e 23 gennaio 2011 al Teatro Civico 14 di Caserta ed il 19 e 20 marzo al Centro Teatro Spazio di San Giorgio a Cremano.   

 

Commenta Stampa
di Giuseppe Giorgio
Riproduzione riservata ©