Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Polemiche e contestazioni a Castel Capuano

Anno Giudiziario, bavagli e proteste


.

Anno Giudiziario, bavagli e proteste
28/01/2012, 14:01

NAPOLI - Con la plateale protesta degli avvocati che imbavagliati hanno fatto ingresso nel salone dei busti in Castel Capuano a causa del decreto sulle liberalizzazione, è stato inaugurato anche a Napoli l'anno giudiziario. Un giornata importante di riflessione sul funzionamento della macchina giudiziaria in Campania, come anche un momento imprescindibile di bilanci sull'operato in un territorio difficile dove la lotta alla criminalità rappresenta l'azione di contrasto primaria. Nella solennità dell'evento non sono mancati gli allarmi sulla condizione in cui è costretta ad operare la giustizia partenopea che più di altre ha risentito del momento di austerity che ha condotto il governo a tagliare i fondi per il settore. In questa direzione. gli interventi delle istituzioni a partire dal presidente Bonajuto al rappresentante del ministero di Grazia e Giustizia. Ma è stata la polemica aperta a tenere banco durante la cerimonia inaugurativa con l'avvocatura sul piede di guerra contro il governo. Conseguenza della protesta lo svuotamento della sala dei busti subito dopo l'intervento del presiedente dell'ordine forense Caia. Auspicata da tutti una maggiore sinergia tra i vari settori della giustizia, e sopratutto un ruolo più centrale ed autonomo in seno alla società civile.

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©