Cultura e tempo libero / Tv

Commenta Stampa

Discussioni vivaci, con 6 milioni di spettatori

Annozero, con Saviano, vince la serata



Annozero, con Saviano, vince la serata
22/10/2010, 15:10

ROMA - Una puntata molto vivace, quella di Annozero di ieri. Nessun politico tra gli ospiti, solo giornalisti, tra cui Concita de Gregorio, direttrice dell'Unità, Enrico Mentana direttore del TG de La7, e Maurizio Belpietro, direttore di Libero. L'argomento era la censura, con argomentazioni prevedibili da tiutte le parti: Belpietro e Paragone che cercavano di dimostrare che Berlusconi non censura nulla, la De Gregorio che faceva notare i fatti che lo dimostravano, e Mentana che cercava di non sbilanciarsi nè da una parte nè dall'altra.
I punti più interessanti sono stati, come sempre, l'editoriale di Marco Travaglio, dove ha parlato della censura contro Biagi; poi l'invito che il giornalista calabrese Lucio Musolino, licenziato dal suo giornale dopo che la settimana scorsa era intervenuto ad Annozero, ha ricevuto da Enrico Mentana di andare a lavorare per La7 (sperando che non siano solo parole); e il comportamento pungente della direttrice dell'Unità contro il maschilismo di Belpietro. Ad un certo punto, mentre Belpietro stava giustificando l'uso delle società di off shore da parte di Berlusconi, la De Gregorio ha interloquito: "Scusa, Belpietro, ma non sarebbe meglio se il cpo di un governo facesse tutte le operazioni in chiaro, pagando le tasse, e dando l'esempio come Presidente del Consiglio italiano? Perchè deve nascondere le operazioni finanziarie?" E poi, visto che Belpietro continuava a parlare senza risponderle, la giornalista ha detto agli altri ospiti presenti: "Ma gli volete chiedere voi, che siete maschi, se vuol rispondere?".
Di rilievo anche l'intervento di Roberto Saviano, ospite in collegamento da Berlino, dove aveva appena finito un programma teatrale. Si è parlato con lui dei problemi attinenti al programma che dovrebbe prendere il via l'8 novembre insieme a Fabio Fazio. E lo scrittore campano si è lamentato del comportamento della Rai, che sta ponendo continui ostacoli non pagando gli ospiti, non offrendo loro una sistemazione in albergo - come pare sia capitato per il maestro Abbado, uno degli ospiti della trasmissione di Saviano - e così via.
Alla fine, lo share ha dimostrato che la puntata è stata vincente: prima trasmissione della serata con 22,69%, pari a 6,2 milioni di spettatori.
Ma le polemiche non sono finite. Oggi, al termine della conferenza stampa sui rifiuti, quando la giornalista del TG3 ha cercato di fare una domanda a Berlusconi e si è presentata, il premier ha detto: "Il TG3? Quale? Quello che non esiste?" Questo perchè nella trasmissione di ieri si è fatta la differenza di minutaggio tra una trasmissione come quella di Santoro e gli spazi occupati dal TG1, ma senza parlare del TG3.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©