Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

La presentazione alla Fonoteca del Vomero

Argento vivo, nuovo album del ‘Giardino dei Semplici’


Argento vivo, nuovo album del ‘Giardino dei Semplici’
03/06/2013, 17:10

NAPOLI - A vent’anni esatti dalla pubblicazione dell’ultimo disco di inediti (1993 - “Otto Quarantotto & Ventisette”, distribuito dalla WEA) il Giardino dei Semplici domani, martedì 4 giugno alle ore 12,00 presso FONOTECA (via Morghen, 31/c), presenterà il nuovo lavoro discografico “Argento vivo” (Helidon) La band alias Andrea Arcella (tastiere, piano, programmazione, cori ), Tommy Esposito (batteria, cori) e Luciano Liguori (basso, voce solista, cori) con la new entry Savio Arato alle chitarre è una delle realtà più forti e longeve del panorama della musica italiana. Quasi quarant’anni di carriera, 4 milioni di dischi venduti, 1.800 concerti, innumerevoli premi vinti nel corso delle decadi. La particolarità del gruppo è quella di coniugare il pop ed il rock con la tradizione melodica (italiana e napoletana). Le armonizzazioni vocali ed il falsetto potente sono il loro inconfondibile marchio di fabbrica, così come le performance dal vivo energiche e coinvolgenti. A 38 anni dalla nascita era infatti l’aprile del 1975 quando usciva il primo 45 giri “M'innamorai/Una storia”, che vendette da subito un milione di copie, il Giardino dei Semplici ritorna oggi con un nuovo lavoro discografico, il cui titolo richiama l’energia più pura ed esplosiva: “Argento vivo”. Un disco che miscela sapientemente la vena melodica della grande tradizione della musica leggera italiana, con sonorità moderne, il tutto impreziosito da atmosfere rock del nuovo Millennio. “Argento vivo” è il loro undicesimo album in studio, ed esce sotto l’egida della casa discografica Halidon: il lavoro è stato anticipato dal primo singolo “Grande grande”, utilizzato come sigla di una popolare trasmissione calcistica e dunque colonna sonora di un videoclip girato dalla band allo stadio San Paolo di Napoli

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©