Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Arriva in Kenya l’acqua del Gruppo Cesaro: Costruiti due pozzi a Kusunguni grazie al progetto “1 € per un sorso”


Arriva in Kenya l’acqua del Gruppo Cesaro: Costruiti due pozzi a Kusunguni grazie al progetto “1 € per un sorso”
22/05/2012, 16:05


Si terrà venerdì, 25 maggio 2012, presso il Centro Sportivo Portici, la manifestazione conclusiva del progetto che ha portato, in soli 545 giorni, alla costruzione di due pozzi nel distretto di Kilifi, in Kenya.
Nella mattinata di venerdì, durante la “Giornata della Legalità” che si terrà presso l’impianto di via De Curtis, il Gruppo Cesaro illustrerà i dettagli dell’operazione che ha portato alla realizzazione dei pozzi d’acqua: 4 milioni di litri d’acqua portati, simbolicamente, dalle piscine della Campania a Kasunguni.
Lo scorso 22 marzo 2011, infatti, i Centri Sportivi di Avellino, Portici e Sant’Antimo, in collaborazione con Amref, hanno ospitato la manifestazione “1 € per un sorso” raccogliendo i fondi destinati al distretto keniano del Kilifi.
L’evento, che coinvolse tutti gli istituti scolastici elementari dei Comuni di Avellino, Portici (NA) e Sant’Antimo (NA), si svolse contemporaneamente nei rispettivi Centri in occasione della “Giornata mondiale dell’acqua”.
Durante l’incontro i piccoli “ambasciatori” di ogni singolo istituto, insieme ai fondi raccolti, donarono simbolicamente ai rappresentanti dell’Organizzazione l’acqua risparmiata, riempiendo le “celebri” taniche gialle dell’Amref con l’acqua delle piscine dei Centri Sportivi, metaforicamente destinata dal Gruppo Cesaro Sport ai villaggi dell’Africa Orientale.
Entusiasta il presidente Aniello Cesaro: “Con la realizzazione dei due pozzi in Kenya abbiamo tenuto fede alla nostra promessa: coinvolgere i bambini nell’attività benefica, rendendoli attivamente partecipi, significa educare i futuri cittadini a problematiche esistenti, anche se territorialmente distaccate, e all'attenzione ed al rispetto di un “altro” distante ma con gli stessi identici bisogni. Inoltre, significa anche sensibilizzare i bambini ad un consumo più consapevole e ragionato dell’acqua e, quindi, ad un minore spreco in virtù del suo prezioso valore.”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©