Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

L'attore: "La brutta figura la facciamo noi, non gli arabi"

Arriva nelle sale "Che bella giornata" con Checco Zalone


Arriva nelle sale 'Che bella giornata' con Checco Zalone
28/12/2010, 16:12

ROMA - "Non è un film politicamente scorretto. Cerchiamo solo di fare film diversi. Non parlare sempre e solo di mariti, figli, moglie e corna. Noi del Sud, poi, abbiamo perso tante persone in missione di pace e per il terrorismo ed è giusto dire che a noi non sembrano eroi, ma il loro eroismo è stato solo quello di farsi una casa".
Con queste parole il regista Gennaro Nunziante ha espresso il suo parere sul film "Che bella giornata" in occasione della conferenza stampa che si è tenuta oggi. Il film nelle sale dal 5 gennaio ed interpretato dall'attore pugliese Checco Zalone, è distribuito da Medusa in oltre 600 copie. L'attore veste i panni di un uomo della security del Duomo di Milano. Si innamora di un'araba che ha intenzione di fare un attentato alla Madonnina.
"La brutta figura la facciamo noi, non gli arabi - spiega Zalone - Lo sberleffo è a noi occidentali. L'ironia è su di noi non su di loro". Contestatissima la frase del film che esprime la mancanza di ideali degli italiani in missione di pace, che si trovano in zone di guerra soltanto per pagare il mutuo della casa.

Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©