Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Arte sacra e stregoneria nella Viterbo sotterranea


Arte sacra e stregoneria nella Viterbo sotterranea
06/11/2012, 14:43

Domenica 11 novembre 2012 – h 17,00 presso la sala eventi di Tesori d'Etruria (piazza della Morte - Viterbo) Tesori d'Etruria e Prisma vi invitano a partecipare all'incontro con Giovanni Feo:
Arte sacra e stregoneria Altro incontro da non mancare a Tesori d'Etruria. All'interno del ciclo denominato “Appuntamenti col mistero”, stavolta potremo ascoltare e conoscere meglio Giovanni Feo, ricercatore e scrittore che da oltre un trentennio studia e cerca luoghi sacri dell'Etruria e di altre regioni dell'Italia pre-romana, al fine di ricostruire l'originario modello insediativo di "geografia sacra", in uso presso le antiche civiltà. Stavolta, però, Feo ci racconterà gli straordinari risultati dei suoi ultimi studi, incentrati sull'arte sacra e la stregoneria al tempo del medioevo. C'è un mondo altro, meno apparente e decifrabile, che scorre accanto al primo e si rivela attraverso lingue antichissime. Questi studi sono stati condensati in un libro che è come una mappa da sfogliare, in cui a cifre manifeste accorre associarne altre celate ad occhi distratti, per ricostruire nella sua integrità un disegno profondo quanto evidente, che è nutrimento vitale del nostro sapere. Giovanni Feo prima di ogni altra cosa, lui si definisce un camminatore. Nella sua vita ne ha fatti davvero tanti di chilometri, sempre a caccia di luoghi che potessero raccontare la storia dei popoli che, lungo i secoli, li hanno abitati.
Il suo amore assoluto per la storia l'ha portato a riscoprire posti incredibili, ricchi di passato e di mistero. Gli Etruschi sono sempre stati un popolo a lui particolarmente caro. Sono davvero molti gli studi e i libri che gli ha dedicato. A Gianni Feo si devono numerosi ritrovamenti di portata eccezionale. Tra gli ultimi vale la pena ricordare gli incredibili manufatti di Pitigliano che ricordano, per fattezza e disposizione, le misteriose pietre dello Stonehenge inglese. Ingresso gratuito. Posti limitati, prenotazione gradita

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©