Cultura e tempo libero / Tv

Commenta Stampa

Comunque è stata decisa la chiusura per share troppo basso

"Baila!": il Tribunale conferma il plagio della trasmissione


'Baila!': il Tribunale conferma il plagio della trasmissione
21/10/2011, 17:10

ROMA - Il Tribunale di Roma ha respinto il ricorso presentato da Rti ed Endemol contro la prima sentenza d'urgenza dello stesso Tribunale che stabiliva che "Baila!" è un plagio del programma di RaiUno "Ballando sotto le stelle". Si è chiusa così la vicenda che vedeva da una parte Milly Carlucci e gli autori della Rai e dall'altra Mediaset, Endemol e Barbara D'Urso.
Questo dovrebbe sancire l'impossibilità per "Baila!" di andare in onda, ma in realtà Mediaset aveva deciso comunque di chiudere il programma. Troppo scarso il pubblico della trasmissione, inadeguato l'intero spettacolo. E così dopo solo quattro puntate si chiudono i battenti. Ma Mediaset non lo accetta e scarica anche la colpa del flop sulla Carlucci: "Il progetto originario, articolato in sei puntate, non ha mai potuto essere realizzato a causa di un incomprensibile ricorso d’urgenza presentato, prima ancora che andasse in onda, da una conduttrice e da un’azienda concorrente convinti che la normale competizione televisiva in questo caso non dovesse avere luogo". SImpatico modo di pensare da parte di chi ha mosso mari e monti per impedire che su Youtube circolassero filmati presi dalle proprie reti. Non è che allora erano quelli del Biscione a pensare che non ci dovesse essere competizione televisiva?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©