Cultura e tempo libero / Tv

Commenta Stampa

Squallido intervento del senatore del Pdl in TV

Ballarò: Gasparri attacca e offende il sondaggista Pagnoncelli



Ballarò: Gasparri attacca e offende il sondaggista Pagnoncelli
27/10/2010, 09:10

ROMA - Interessante puntata di Ballarò, guastata - come sempre, data la conduzione debole del programma e l'eccessivo numero di ospiti invitati - dall'eccessiva confusione su cui si è mosso il programma. Uno dei punti di massima confusione è stato quando è intervenuto il sondaggista Nando Pagnoncelli, per descrivere i risultati di una serie di sondaggi sull'operato del Presidente del Consiglio. Sondaggi non proprio lusinghieri per Silvio Berlusconi (in particolare, il fatto che solo il 40% dichiara di avere fiducia in Berlusconi contro il 43% che dichiara di avere fiducia in Bersani). Apriti cielo per Maurizio Gasparri, senatore del Pdl che ha cominciato ad offendere Pagnoncelli, accusandolo di essere stato licenziato dalla Rai per avere sbagliato i sondaggi (si vede verso la fine del video allegato). E, come è prassi per gli esponenti del Pdl, poi ha cominciato a sbraitare per impedire al sondaggista di rispondere. Ovviamente Pagnoncelli ha risposto con calma ed educazione, ma si vedeva che era palesemente seccato.
Non è una novità: ormai in tutte le trasmissioni in cui c'è chi porta dei dati - che in quanto tali sono inattaccabili - gli esponenti del Pdl o ad esso collegati offendono chi li descrive. Per esempio ad Annozero ci fu una lite notevole con Marco Travaglio perchè in diverse trasmissioni consecutive giornalisti di Libero o de Il Giornale o politici lo accusarono - falsamente, perchè è una storia che è stata dimostrata essere falsa - di essersi fatto pagare il conto di un albergo dove era stato in vacanza dall'avvocato di un mafioso. Qui la stessa cosa: attacco falso - perchè è vero che Pagnoncelli nonlavora più in rai, ma fu semplicemente perchè ha perso la gara di appalto - contro chi porta i dati, perchè non si possono invalidare i dati stessi.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©