Cultura e tempo libero / Tv

Commenta Stampa

Per evitare una figuraccia come la volta scorsa

Ballarò: La Russa si porta la foto di Lukashenko

Porro spaventa i telespettatori contro le rinnovabili


Ballarò: La Russa si porta la foto di Lukashenko
25/05/2011, 11:05

ROMA - La battuta era scontata e prevedibile; ed infatti a Ballarò Maurizio Crozza non se l'è lasciata sfuggire: "Ministro La Russa, adesso lo sa chi è Lukashenko?". Perchè l'ultima volta che era stato in trasmissione, il Ministro della Difesa si era lasciato scappare un "Ma chi è questo Lukashenko?". Ma questa volta era preparato: dalla voluminosa mole di docuemnti che aveva a fianco, ha estratto la foto del dittatore della Bielorussia, e quindi si è messo a posto.
Poi la trasmissione è andata avanti, in quello che è il modo consueto: un guazzabuglio di accuse da parte di La Russa e un mucchio di futilità da parte di un Bersani troppo ragionevole.
Nel finale però si è parlato del referendum sul nucleare. E qui si è visto l'ingegno di Nicola Porro, vice direttore del Giornale, che ha cercato di giustificare il tentativo del governo, col decreto Omnibus, di impedire alla gente di andare a votare il referendum sul nucleare. Ha detto che il nucleare convinee all'Italia, perchè usare il solare "ci costerà 90 miliardi di euro di soli incentivi, nei prossimi 10 anni". Se uno non si sofferma, può esclamare che sono un sacco di soldi, ma il dato è interessante. Con i prezzi attuali, 9 miliardi di euro all'anno di incentivi (che vengono pagati sulla quantità di energia prodotta) significa una produzione di energia pari ad almeno 5 miliardi di euro, sempre all'anno. Una cifra enormemente superiore a quella spesa attualmente per gli incentivi. Bisogna pensare quindi che Porro si augurasse un boom della produzione di energia solare?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©