Cultura e tempo libero / Teatro

Commenta Stampa

Barabao Teatro sbarca a Padova il 25 novembre con “Aspettando Ercole”


Barabao Teatro sbarca a Padova il 25 novembre con “Aspettando Ercole”
19/11/2011, 11:11

(Padova – 17 novembre 2011) Raccoglie ovunque il plauso dei critici, ma vuole arrivare a ogni tipo di pubblico lo spettacolo di Barabao Teatro Aspettando Ercole, che approderà venerdì 25 novembre sul palcoscenico del teatro Don Bosco di Padova (zona Forcellini). Canto, maschere e brio per raccontare tra comicità e poesia le imprese (e le fatiche) di un Ercole non ancora nato.
Dopo 30 repliche in Veneto e oltre, la “riduculosa et tragica historia” del forzuto semidìo sbarca dunque finalmente nella città del Santo. Un banco di prova importante per la giovane compagnia di stanza nella vicina Piove di Sacco, che proprio con questo spettacolo si è distinta lo scorso giugno a Sguardi, vetrina del teatro contemporaneo veneto.
L'originale rilettura dell'Anfitrione di Plauto vede in scena quattro cubi, altrettanti attori e sei irresistibili maschere costruite, in buona parte ad hoc, dal regista Matteo Destro, abile mascheraio riconosciuto a livello internazionale. Maschere affascinanti e uniche, che diventano tutt'uno con il corpo degli attori e insieme “si muovono” creando spazi e relazioni, in un palcoscenico altrimenti spoglio. A riempirlo ci pensano Mirco Trevisan, Romina Ranzato, Ivan Di Noia, Cristina Catto Ranzato che cantano, fanno ridere e, dall'intramontabile suggestione dei miti greci, estraggono personaggi, sketch ed emozioni in grado di conquistare un pubblico eterogeneo.
Sarà una banda di cantastorie-buffoni a raccontare l'intrigante e comica vicenda della nascita del potente Ercole. Sotto gli occhi dei comuni mortali seduti in platea sfileranno divinità possedute da umane passioni, servi alle prese con la libertà, guerrieri traditi, re indaffarati, messaggeri divini confusi, tutti protagonisti di quel mitologico intrigo che ha determinato il destino tragico dell'eroe greco.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©