Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

BCC Napoli: Il cardinale Sepe "benedice" la banca del giubileo


BCC Napoli: Il cardinale Sepe 'benedice' la banca del giubileo
12/05/2011, 14:05

Sabato 14 maggio, nell’Aula Magna della Facoltà di Economia della Federico II presso il Complesso di Monte S. Angelo (in via Cinthia), dalle ore 9,30, si terrà l’assemblea dei soci della Banca di Credito Cooperativo di Napoli. L’evento ricopre molteplici significati: sotto il profilo gestionale, ad esempio, esso suggella il primo effettivo bilancio d’esercizio di un Istituto che ha inaugurato la propria sede napoletana solo a metà del 2009. Sarà allora presentato e sottoposto ad approvazione il Bilancio al 31 dicembre 2010 e saranno discussi e deliberati atti amministrativi rilevanti come quello relativo al cambiamento dello Statuto o quelli attinenti alle attività svolte a tutela dei risparmiatori e della governance. Lusinghiere, intanto le cifre. Tra i dati che scandiscono la contabilità virtuosa della giovane Banca partenopea nel 2010 risaltano ad esempio quelli sulla raccolta pari a 43 milioni di euro (con incremento di oltre il 97 % rispetto al 2009) mentre gli impieghi hanno raggiunto i 18 milioni di euro con un incremento del 116% che, sommati a quelli accordati tramite società del gruppo, raggiungono i 30 mln di euro, testimonianza della vicinanza al territorio della Bcc di Napoli E oltre tremila sono ormai i soci della Banca con un’impennata di quasi il 9% rispetto al 2009. «Il 2010 sfiora il pareggio contabile - ha spiegato Amedeo Manzo, presidente di BCC Napoli - nonostante la Banca abbia proceduto ad ingenti accantonamenti che riflettono la politica prudenziale adottata a garanzia e beneficio dei risparmiatori e dei clienti napoletani».
Uno scenario, dunque, che sottolinea il successo del credito solidale praticato da un Istituto che non intercetta solo consensi sul piano finanziario ma anche su quello culturale: BCC Napoli infatti ha scelto di fare sistema con tutte le realtà locali attente agli umori e ai bisogni del territorio. Lo dimostra, ad esempio, il patto collaborativo siglato con il cardinale Crescenzio Sepe nell’ambito del Giubileo per Napoli, promosso dal vescovo: l’assemblea dei soci, in agenda sabato prossimo, sarà infatti dichiarata «Evento Giubilare» e l’appuntamento sarà appunto l’occasione per rendere pubblico, alla presenza dello stesso porporato, l’impegno e il sostegno della Cooperazione di Credito partenopea nei confronti delle iniziative giubilari intraprese dall’Arcidiocesi in favore della città. BCC Napoli, tra l’altro, si è già dichiarata disponibile a rilevare in comodato una delle chiese a rischio degrado, segnalate dal cardinale Sepe.
Sono previsti gli interventi degli economisti Adele Caldarelli e Adriano Giannola, del prefetto di Napoli Andrea De Martino, del comandante regionale della Guardia di Finanza Giuseppe Mango e del presidente della Federazione nazionale delle BCC Alessandro Azzi, nonché la presenza di personalità come il presidente regionale Stefano Caldoro, il Comandante Interregionale Carabinieri Generale Maurizio Scoppa. Oltre ai lavori assembleari, infine, il 14 maggio targato BCC prevede, in apertura, l’inaugurazione della mostra documentale «Nascita ed evoluzione storica delle banche a Napoli dal XV secolo ad oggi», allestita grazie alla disponibilità del direttore generale dell’Istituto Banco Napoli Fondazione Aldo Pace.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©