Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Ingresso gratuito a musei e scavi archeologici vesuviani

Bellezze archeologiche in luce ne “La Notte dei Musei”


.

Bellezze archeologiche in luce ne “La Notte dei Musei”
14/05/2010, 13:05


POMPEI - Il fascino dell’archeologia di notte, alla luce dei soli fari artificiali, e la bellezza di un mondo rimasto intatto nei secoli. Tutto questo è “la Notte dei Musei”, l’evento europeo al quale il Ministero per i Beni e le Attività Culturali aderisce per il secondo anno, garantendo ingressi gratuiti ai principali musei e siti archeologici italiani dalle 20 alle 2 del mattino. Un vanto per l’intera nazione italiana, che in concomitanza con il resto dei paesi europei, metterà in mostra le sue bellezze culturali. Nel fitto programma di eventi in giro per lo stivale, è naturalmente compreso anche un pezzo pregiato del patrimonio dell’archeologia italiana. Quegli scavi pompeiani che il Governo Italiano, tramite il ministro Sandro Bondi, punta a rilanciare nel panorama internazionale. Ed evento speciale nel programma dei siti vesuviani sarà proprio l’apertura delle Terme Suburbane di Pompei, un impianto di proprietà privata di età augustea posto all’ingresso di Porta Marina. Attesa forte, anche per l’anteprima del nuovo percorso di suoni e luci “Venere alle terme”, una delle novità dell’offerta turistica estiva inserita nel programma “PompeiViva”. Si tratta di una colonna sonora fatta di scrosci d’acqua e le note di un’arpa, sincronizzata con la sequenza delle luci che accenderanno la realtà circostante. Ma per l’area vesuviana “la Notte dei Musei” non riguarderà esclusivamente la città di Pompei. I fari si accenderanno anche su altre storiche culle dell’archeologia campana. Sul taccuino de turisti, infatti, ci sono appuntamenti previsti anche nelle città di Ercolano, Torre Annunziata (per gli scavi di Oplontis) e Boscoreale. Anche qui porte della cultura aperte per tutta la notte, senza prenotazioni né biglietti d’ingresso, per poter godere a pieno del surreale paesaggio archeologico.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©