Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Bilancio positivo per Musica in Irpinia 2009


Bilancio positivo per Musica in Irpinia 2009
20/07/2009, 21:07

Si chiude con un bilancio decisamente positivo la XXVII edizione della rassegna internazionale “Musica in Irpinia” promossa dall’Ente per il Turismo di Avellino con la direzione artistica del M° Antonella De Vinco. Un’edizione ricca di novità, inserita tra i Grandi Eventi della Regione Campania, che ha visto sul palco dell’Abbazia di Loreto e nelle varie location di Mercogliano, tre esclusive nazionali, artisti di straordinaria qualità, dodici concerti tra musica classica e moderna grazie alla collaborazione con il Mercogliano Music Festival. Qualità ed espressioni artistiche di altissimo livello che hanno caratterizzato anche quest’anno l’evento di punta dell’intera provincia di Avellino.

Grande successo ha riscosso il concerto di chiusura della rassegna, che ha visto l’esibizione dell’Istituzione Sinfonica Abruzzese diretta dal M° Marcello Bufalini e, al pianoforte, il grande Ivo Pogorelich, esponente di rilievo del panorama musicale internazionale, pianista di raro talento definito da molti un vero genio della musica, noto per il suo impegno nelle cause di solidarietà, che lo ha portato ad essere nominato Ambasciatore di Buona Volontà dell’Unesco. Nello splendido Chiostro dell’Abbazia di Loreto a Mercogliano, gremito in ogni ordine di posti, il concerto dall’alto valore non solo artistico ma anche simbolico, con cui l’Irpinia ha voluto rendere omaggio alla popolazione d’Abruzzo tragicamente colpita dal sisma. Standing ovation per l’esecuzione del concerto per pianoforte e orchestra di Chopin: Ivo Pogorelich ha letteralmente incantato il pubblico di “Musica in Irpinia”.

La XXVII edizione della rassegna internazionale ha fatto registrare il gradimento del pubblico anche nella scelta di avvicinare due target diversi di musica: classica nel chiostro dell’Abbazia di Loreto e jazz nelle piazze del comune di Mercogliano. A chiudere la serie di appuntamenti è stata Rosalia De Souza, ritenuta la migliore interprete della musica brasiliana residente in Italia. Dalla samba alla bossanova, quello proposto dalla cantante-interprete brasiliana è stato un viaggio esaltante nella migliore tradizione della musica brasiliana.

“Sono molto soddisfatto della riuscita della rassegna – afferma il Presidente dell’Ente provinciale per il Turismo di Avellino, Raffaele Spagnuolo -. Musica in Irpinia si conferma un appuntamento di interesse per cultori ed appassionati provenienti da tutta la Campania. E’ stato emozionante assistere ai concerti di grandi artisti come Lior Shambadal, Michele Campanella e Ivo Pogorelich, nella splendida e suggestiva cornice del Chiostro dell’Abbazia del Loreto di Mercogliano, a conferma che manifestazioni come Musica in Irpinia devono durare e proprio per questo stiamo già lavorando alla prossima edizione della rassegna. Musica In Irpinia non deve restare una mera occasione di ascoltare musica di qualità, ma deve diventare vero volano di sviluppo ed economia per la nostra provincia”.

"Un ringraziamento speciale va al pubblico di Musica in Irpinia – afferma il M° Antonella De Vinco, direttore artistico della rassegna – che ha partecipato con grande emozione ai concerti, dimostrando così il proprio apprezzamento per il programma di questa edizione. Tra le novità di quest’anno c’era la combinazione con il jazz, che ha permesso di avvicinare tanti giovani anche alla musica classica, con risultati senza dubbio positivi. A chiusura della rassegna posso dire che il pubblico di Musica in Irpinia ha compreso ed apprezzato quel connubio tra arte e società che ho voluto trasmettere attraverso il programma della rassegna”.

La rassegna internazionale “Musica in Irpinia” si è aperta il 4 luglio con la Berliner Symphoniker in esclusiva nazionale diretta da Lior Shambadal, con il violinista Massimo Quarta, Franco Maggio Ormezowski al violoncello e Pietro De Maria al pianoforte. In Piazza Municipio si sono esibiti i Funk Off, l'unica Marchin Band italiana, composta da 15 elementi. Il 5 luglio la Berliner Symphoniker diretta da Lior Shambadal con Mee-Hae Ryo al violoncello e Yookyung Kang, violinista di soli 13 anni, considerata dalla critica specializzata una bambina prodigio. In Viale San Modestino l’esibizione di Andrea Braido, considerato uno dei principali e talentuosi chitarristi dell'area rock e fusion/rock italiana. L’11 luglio l’Abbazia di Loreto ha ospitato l’Orchestra Sinfonica Città di Grosseto diretta dal M° Giuseppe Lanzetta che ha visto al pianoforte Michele Campanella, considerato internazionalmente uno dei maggiori virtuosi interpreti lisztiani, mentre in Piazza Funicolare si è esibito in esclusiva nazionale Gerald Clayton, uno dei più interessanti talenti del jazz americano. Il 12 luglio l’Abbazia di Loreto ha ospitato l’Orchestra Sinfonica Giuseppe Tartini diretta dal M° Antonio Cipriani con Giampiero Sobrino al clarinetto, mentre in Piazza Funicolare l’esibizione, in esclusiva nazionale, di Joe Bonamassa, considerato uno dei migliori chitarristi a livello mondiale. Il 18 luglio la Kiev String’s Orchestra diretta dal M° Paolo Biancalana, con il violino di Sang-Hee Cheong e di Joaquin Palomares, mentre in Piazza Funicolare si sono esibiti Fabrizio Bosso & Javier Girotto, una somma di astri del jazz. Infine, domenica 19 luglio gran finale con l’Istituzione Sinfonica Abruzzese diretta dal M° Marcello Bufalini, con il pianoforte del grande Ivo Pogorelich, mentre Piazza Funicolare ha ospitato la migliore cantante ed interprete della musica brasiliana in Italia, Rosalia De Souza.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©