Cultura e tempo libero / Enogastronomia

Commenta Stampa

Biodomenica 2012: l’appuntamento in programma domenica 7 ottobre a Napoli e’ in piazza Dante dalle 9 alle 14


Biodomenica 2012: l’appuntamento in programma domenica 7 ottobre a Napoli e’ in piazza Dante dalle 9 alle 14
05/10/2012, 12:09

Promuovere il consumo di prodotti sicuri e di qualità, legati al territorio, alle sue tradizioni e alla sua cultura: torna con questo intento domenica 7 ottobre 2012 la Biodomenica giornata di incontro tra il mondo agricolo e i cittadini organizzata da Coldiretti insieme ad AIAB (Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica). Un evento per far conoscere la qualità dei prodotti biologici, le tecniche produttive e le pratiche agronomiche ecocompatibili, la loro praticabilità in tutto il pianeta, e la loro capacità di favorire un'equa ripartizione delle risorse, garantendone la loro conservazione per le generazioni future.

A Napoli l’appuntamento con  la più importante campagna   nazionale di promozione e divulgazione dedicata all’agricoltura biologica è, con la collaborazione del Comune di Napoli e ilsostegno della Camera di Commercio di Napoli, in Piazza Dante dalle 9 alle 14. Gli altri appuntamenti in programma sono pubblicati sul sito www.biodomenica.it. In occasione della tredicesima edizione  promossa in tutta Italia e all’estero,la locale Piazza Dante, domenica mattina, oltre alla consueta vendita di prodotti convenzionali, sarà  un presidio del mangiare e vivere biologico con il mercato degli agricoltori bio, dove oltre a poter acquistare a “km zero” (senza intermediazioni) i prodotti della terra, come frutta e verdura, vino e olio, formaggi, confetture e biscotti, prodotti ancora come un tempo, sarà possibile, insieme a degustazioni, momenti dimostrativi e d’informazione  sulla sana alimentazione e sulle tecniche di coltivazione, poter parlare del biologico italiano che è leader in Europa per numero di imprese e che rappresenta un mercato che nel2011 ha messo a segno un aumento del 12 per cento negli acquisti familiari, in controtendenza rispetto all’andamento generale dei consumi. Realizzata con il patrocinio di ministero per le Politiche Agricole Alimentari e Forestali, ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare,  Fondazione Campagna Amica e Comitato Italiano perla Sovranità Alimentare, la BioDomenica, organizzata da Coldiretti e Aiab, è un appuntamento dedicato all'incontro tra produttori, cittadini, associazioni, istituzioni e consumatori del mondo biologico, nato per promuovere il consumo di prodotti buoni, sicuri, di qualità, locali e sostenibili, e per riscoprire tipicità, tradizioni e cultura italiane.

Saranno realizzati in particolare orti e laboratori didattici con particolare riferimento alle elementari tecniche di coltivazione, al passaggio dalle api al miele, dal latte al formaggio, dal cacao al cioccolato e dal seme al frutto.  Con il patrocinio dell’Assessorato all’ambiente del Comune di Napoli piazza Dante sarà una realtà bio in rappresentanza delle circa 2000 aziende operanti in tutta la Campania su poco più di 17 mila ettari coltivati a biologico in mostra con i loro prodotti rispettosi della salute dei consumatori, dell’ambiente e dell’equità solidale. Ai partecipanti l’imbarazzo della scelta: frutta e verdura genuina, olio extravergine di oliva Dop e vini Doc,  formaggio stagionato di pecora, capra e mucca, bufala, confetture di frutta, miele e i prodotti dell’alveare e tanto altro per trovare appagamento e soddisfazione con una alimentazione sana e conveniente.

Prodotti che è oggi possibile acquistare nei mercati e nelle botteghe di Campagna Amica, nelle aziende campane negli agriturismi, nei ristoranti. “La XIII edizione della Biodomenica 2012 desidera porre l’accento sul valore sociale, economico e ambientale del Biologico in Italia, per fornire una corretta informazione sul tema– spiegano la presidente e il direttore di Coldiretti Napoli, Mena Caccioppoli e Prisco Lucio Sorbo –La Biodomenica rappresenta quindi un ulteriore momento  per parlare di Agricoltura Biologica ovvero di ambiente, salute, alimentazione e gusto, consumo critico e responsabile, commercio equo e solidale  etica, consapevolezza, sovranità alimentare e accesso al mercato per i produttori agricoli”. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©