Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Appuntamento questo mercoledì dalle 22:30

Bluestone presenta: Janek Gwizdala project.


Bluestone presenta: Janek Gwizdala project.
16/11/2009, 09:11

Dopo il grande successo di Diane Schuur, è ancora tempo di jazz nel salotto di via Alabardieri, mercoledì 18 novembre alle 22.30 il Bluestone presenta Janek Gwizdala.
Di origini britanniche ma newyorkese d’adozione, questo giovane jazzista, classe 1978, si è fatto notare per l’uso stravagante ed originale del basso elettrico, come ha più volte dichiarato “posso fare tanto con il basso, completamente e senza limiti”. E questa sua versatilità gli è valsa come biglietto da visita portandolo a collaborare con artisti del calibro di Pat Metheny e Bob James, Randy Brecker e Mike Stern.
Janek Gwizdala presenta al Bluestone il progetto musicale che lo vede impegnato in un tour europeo accanto a tre musicisti che spaziano dal pop all'elettronica ma che come lui rispondono al forte richiamo del jazz. Un quartetto senza paura di andare al di là delle frontiere, che vede il londinese Oli Rockberger al pianoforte, la tromba norvegese di Audun Waage, musicista caro al nostro Aldo Vigorito, alla batteria un figlio d’arte, ( il padre è, infatti, il bassista Vali Mayer) Jojo Mayer fondatore e leader del gruppo Nerve.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©