Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Boom di presenze per Cioccoland


Boom di presenze per Cioccoland
03/11/2011, 16:11

Grandissimo interesse da parte della città per la 1° edizione di “Cioccoland” svoltasi alla Galleria del Mare nella Stazione Marittima di Napoli che in 6 giorni ha registrato più di 90.000 presenze. Uno straordinario successo garantito anche dalla splendida location, una struttura capace, con funzioni di indiscusso valore sociale, di essere al servizio di un territorio molto vasto e che continuamente dalla sua inaugurazione, lo scorso aprile, ricerca e propone nuove attrazioni ed occasioni per rilanciare la sua funzione turistica. Cioccoland, che ha chiuso il 2 novembre , ha dato spazio alla dolcezza e alla creatività ed è stata una sicura opportunità di spensieratezza e divertimento. Numerosi gli artigiani del cioccolato presenti con i loro stand: Todisco, Gallucci Faibano, Gay Odin, Terre di Eno, Antica Cioccolateria Monaco, Chocopassion, Dulciar, Melillo Dolciaria, Salvo, Sweet & Choccolate, Van Moos Fabbrica di cioccolato, Autore, Cuomo, La fabbrica del Cioccolato Paolillo e altre aziende che producono e trasformano il cioccolato. La manifestazione è stata anche occasione di gare come l’ambito Trofeo Confederazione Pasticcieri Italiani per il “Miglior Pasticciere Italiano” vinto da Silvano Amen, II classificato Mario Barbato, III classificato Pietro Sparango.

Alla Galleria del Mare, salotto di città glamour e innovativo, al centro di Napoli lo shopping è la parola d’ordine con oltre 50 negozi e outlet presenti. “Abbiamo voluto fortemente questa iniziativa - cui ne seguiranno delle altre - ha spiegato il Dott. Nicola Coccia Presidente del Terminal Napoli - per regalare alla città momenti di svago e relax per gli acquisti e aree ristoro dove concedersi una gustosa pausa tra un aperitivo internazionale, il via vai dei crocieristi e l’intensa attività del polo congressuale che accolgono gli ospiti al meglio. Il prossimo appuntamento è già fissato per il 7 dicembre con la mostra “Presepi napoletani dell’ottocento”.



Commenta Stampa
di Claudia Annunziata
Riproduzione riservata ©