Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Brit Awards 2012: per i bookmaker di tutto il mondo Adele senza rivali


Brit Awards 2012: per i bookmaker di tutto il mondo Adele senza rivali
21/02/2012, 09:02

Liverpool, 20 febbraio 2012 – Conto alla rovescia per l’assegnazione dei Brit Awards 2012, meglio conosciuti come ‘Grammy inglesi’. I premi musicali più prestigiosi e ambiti del Regno Unito, tributati ogni anno ai protagonisti della scena musicale pop dalla British Phonographic Industry, saranno conferiti ai vincitori domani sera presso la 02 Arena di Londra.

A distanza di una settimana circa dall’attesissima esibizione ai Grammy Awards, che ha segnato per lei il ritorno sulle scene dopo l’operazione alle corde vocali, ancora una volta le orecchie saranno tutte per Adele. La cantante londinese, con 4 nomination all’attivo, gioca in casa ed è quindi senza dubbio la superfavorita, almeno stando alle previsioni dell’autorevole bookmaker anglosassone Stanleybet, che la dà come certa vincitrice nella categoria Mastercard British Album of the Year. Quotato a 1.10, il suo "21", apprezzato dalla critica fin dalla sua pubblicazione, è tuttora in vetta alle classifiche britanniche, per un totale di 50 settimane di permanenza nella hit list: numeri che hanno permesso alla nuova stella del pop mondiale di sottrarre lo scettro di disco più venduto del XXI secolo in UK a “Back to Black” della compianta Amy Winehouse.

Decisamente più distaccati, a 7.50, i Coldplay con l’album “Mylo Xiloto”, giunto a distanza di ben 3 anni dall’ultimo lavoro musicale della band britannica. Segue, a 8.00, “Ceremonials” di Florence and the Machine, nome d'arte di Florence Leontine Mary Welch e di un gruppo di artisti che collaborano con lei per creare musica per la sua voce. Minori le probabilità di vittoria per “+” del cantautore inglese Ed Sheeran, offerto a 11.00, mentre a 16.00 è bancato “Let England Shake” della solista alternative rock e indie rock PJ Harvey.

L’altra categoria in cui gli allibratori della compagnia di scommesse di Liverpool vedono reginetta Adele, in lavagna a 1.15, è Best British Female. Nelle previsioni di Stanleybet si piazzano poi, a 5.00, Jessie J, autrice del singolo di successo “Price tag”, e, a 8.00, la rossa Florence and the Machine. Poche possibilità di vittoria per Laura Marling, fattasi conoscere dall’etichetta discografica WayOutWest Records grazie ad alcuni brani pubblicati sul suo profilo personale di MySpace, e per Kate Bush, famosa per la sua voce sopranile, cioè in grado di produrre un'estensione di quattro ottave, e per il suo modo di concepire e fare musica. Per chi volesse scommettere su una loro affermazione a sorpresa, Stanleybet pagherebbe ben 17 volte la posta in gioco, sia che a imporsi sia la prima sia che, invece, a spuntarla sia la seconda.

Passando invece al sesso forte, per i quotisti d’oltremanica sarà quasi certamente Ed Sheeran ad aggiudicarsi il premio come miglior artista. Il cantautore inglese sembra avere molte chance di vittoria nella categoria Best British Male, tant’è che Stanleybet lo quota a 1.50. Non si può escludere, tuttavia, che ad avere la meglio possa essere il “Re del Britpop”, soprannome di Noel Gallagher, chitarrista principale e seconda voce degli Oasis, autore di gran parte dei testi e delle musiche che hanno reso il gruppo famoso in tutto il mondo, che nel 2011 ha intrapreso la carriera da solista. Gli allibratori britannici lo bancano a 3.00.

A dare filo da torcere al fratello di Liam è il rapper Professor Green (4.50), fresco di duetto sul palco di Sanremo con Dolcenera nel brano “My life is mine”, versione inglese di “Vita spericolata” di Vasco Rossi.

I piani bassi in lavagna spettano a due James: uno è Morrison, l’altro Blake, e sono entrambi offerti a 20.00 da Stanleybet.

Se per il miglior album i Coldplay non convincono del tutto i quotisti inglesi, viceversa per la categoria Best British Group il bookmaker Stanleybet assegna lo scettro proprio a loro, quotandoli a 1.11. Seguono, bancati a quasi sette punti di distacco, i Kasabian (8.00), affermato gruppo musicale rock britannico. Infine la celebre compagnia di scommesse del posto quota indistintamente a 10.00 il duo londinese Chase and Status, gli Elbow, apprezzati per il loro sound innovativo, e gli Arctic Monkeys, i quali, già nel 2008, vinsero il titolo in questa categoria.

Ed Sheeran, il "wonder boy" della nuova scena musicale britannica, ventenne cantautore nato ad Halifax, il cui album "+" ad oggi ha venduto quasi un milione di copie nel Regno Unito, figura in pole position per il titolo di artista inglese emergente, a quota 1.50. Per gli allibratori di Stanleybet, tuttavia, non è del tutto improbabile che a vincere nella categoria Best British Breakthrough Act possa essere Jessie J: bancata a 2.25, con il brano “Domino” l’artista è entrata nella Top 10 americana dei singoli.

Se per gli analisti di Liverpool è inverosimile che il premio sia attribuito alla cantante di soul e R&B Emeli Sandé (10.00), ancor più lo è che vada ai giovani The Vaccines e all’artista di origini italiane Anna Calvi. Per entrambi i nomi in gara la scommessa vale ben 18 volte la posta in gioco.

Sul fronte dei premi di caratura internazionale, i quotisti di Stanleybet danno per vincente Bruno Mars, a 1.35, nella categoria International Male Artist. Il cantante hawaiano precede di poco il cantautore statunitense Bon Iver, bancato a 3.00. Un bel salto lo separa invece dal rapper Aloe Blacc e dal musicista Ryan Adams: l’eventualità che salgano sul palco a ritirare l’ambita statuetta si gioca per ambedue a 10.00. Se invece al loro posto ci fosse il disc jockey francese David Guetta, la scommessa pagherebbe 13 volte la posta in gioco.

Per quanto concerne il gentil sesso, la favorita per gli allibratori inglesi è Rihanna (1.15). Dopo aver stabilito il Guinness World Record nel 2010 nella categoria "Musica" come "Artista che ha venduto più singoli e album nel Regno Unito”, la cantante barbadiana ora meriterebbe a pieno il titolo di International Female Artist. Dietro di lei sulla lavagna di Stanleybet si piazza la stravagante Lady Gaga, quotata a 3.50.

Intanto sembra essere ormai passata un’eternità dai successi delle Destiny’s Child: la leader del gruppo e ora neo-mamma, che ha fatto la sua fortuna intraprendendo la carriera da solista, risulta essere l'artista più pagata al mondo con esibizioni che hanno toccato la cifra di £ 71.040 al minuto. La cantante in questione è Beyoncé, in gara per conquistare ambito premio e bancata a 10.00 dagli allibratori d’oltremanica. A 20.00 è quotata invece la cantautrice canadese Feist, mentre chiude la cinquina, a 25.00, la musicista e attrice islandese Björk.



Stanleybet ha aperto le scommesse anche per la categoria International Group: in lavagna, a 1.35, spicca la band di Dave Grohl, i Foo Fighters, che avrebbero il titolo in pugno. La riuscita collaborazione per l’album d’esordio “Watch the Throne” dei due rapper statunitensi Jay Z e Kanye West ha fatto sì che i bookie li quotassero a 4.00, mentre, a poca distanza, si attestano i Maroon 5 (5.00). La compagnia inglese leader nel settore delle scommesse, invece, pagherebbe ben 10 volte la posta in gioco a chi abbia deciso di puntare per il ritiro del premio sul gruppo country statunitense Lady Antebellum o sul gruppo folk rock Fleet Foxes.



“Last but not least”, si può scommettere su chi si aggiudicherà il riconoscimento al miglior artista emergente internazionale nella categoria International Breakthrough Act. I bookie d’oltremanica di Stanleybet consegnano la medaglia d’oro all’artista newyorkese Lana del Rey (1.85), che ha la meglio sullo statunitense Bon Iver (2.35) e, ancor più, sulla rapper di origini africane, indiane e trinidadiane Nicki Minaj (3.00). Decisamente più improbabile, secondo gli analisti anglosassoni, la vittoria dei giovani californiani Foster the People (13.00) o del papà del tormentone ‘I Need a Dollar’, Aloe Blacc (16.00).



Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©