Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

CAF Onlus: Lella Costa e Angelo Garini al fianco dei bambini maltrattati


CAF Onlus: Lella Costa e Angelo Garini al fianco dei bambini maltrattati
22/09/2011, 12:09

Milano, Settembre 2011. In Italia sono più di 700 mila i bambini sottoposti al rischio di un’infanzia compromessa da oltraggi fisici e psicologici secondo gli ultimi dati presentati dal Cismai, Coordinamento italiano dei servizi di rischio, abuso e maltrattamento. Forte della propria esperienza lunga più di 30 anni, il CAF - Centro di Aiuto al Bambino maltrattato e alla Famiglia in crisi - aiuta ogni anno decine di bambini, e anche per questo autunno lancia una nuova raccolta fondi SMS a sostegno delle sue tre Comunità Residenziali per bambini dai 3 ai 12 anni.



Dal 19 settembre al 9 ottobre, infatti, si potranno donare 2 euro per ogni sms inviato al 45504 da cellulare Tim, Vodafone, Wind, 3, Postemobile, e COOPVoce. Per ogni chiamata effettuata allo stesso numero 45504 tramite un telefono di rete fissa Telecom Italia, Infostrada e Fastweb si potranno donare 2 o 5 euro; 2 euro invece per le chiamate effettuate da rete fissa TeleTu.



La Onlus è orgogliosa di avere il sostegno dalla famosa attrice Lella Costa e di Angelo Garini, il wedding planner più creativo della TV. La realizzazione dell’immagine coordinata della campagna SMS è stata realizzata pro bono dalla prestigiosa agenzia pubblicitaria Grey Milano.



“Penso sia un enorme privilegio poter usare la propria notorietà, forse mi piace di più chiamarla credibilità, per sostenere cause in cui si crede.” Ha dichiarato Lella Costa. “E siccome l'idea di vivere in una società che si riempie la bocca con parole come Famiglia e Infanzia, ovviamente e retoricamente maiuscole, ma poi permette che i bambini vengano abusati e privati del diritto inalienabile all'innocenza mi riempie di rabbia e dolore. Sono profondamente grata al CAF per quello che fa e per come lo fa, e onorata di poter contribuire a questa campagna. Avete ragione: bambini si diventa. E come diceva Jacques Brel, "ci è voluto del talento per riuscire ad invecchiare senza diventare adulti".



“Sostenere il CAF vuol dire prendersi a cuore una realtà fatta di bambini pronti ad accoglierti sempre con un sorriso.”. Ha dichiarato Angelo Garini. “Organizzare matrimoni e ideare case significa in qualche modo contribuire al progetto di famiglia in cui nasceranno bambini sereni, ho sempre considerato un privilegio questo aspetto del mio lavoro. Non dimentichiamo però che ci sono bambini che non hanno avuto la possibilità di nascere felici; ecco perché sostenere il CAF è un impegno irrinunciabile al quale ho deciso di dare il mio sostegno e che desidero condividere con tutti.”



La nuova campagna SMS solidale prosegue nell’impegno che dal 1979 l’associazione non profit si è assunta nei confronti dei bambini maltrattati. Presieduta dal Professor Gustavo Pietropolli Charmet, noto psichiatra da sempre dedito al mondo dei minori e degli adolescenti in crisi, il CAF si è affermato nel panorama associativo italiano grazie al proprio metodo di intervento, focalizzato sulla cura delle ferite inflitte dall’abuso sessuale e dal maltrattamento. Il CAF ospita tre Comunità Residenziali indipendenti (Elfi, Gnomi e Folletti): all’interno di ogni Comunità, che accoglie bambini di età compresa tra i tre e i dodici anni, viene seguito un percorso educativo e rieducativo personalizzato sulla base dei problemi individuali, con il supporto di psicologi e psicoterapeuti che valutano i singoli casi e curano i problemi che emergono nel tempo, offrendo sostegno anche alle famiglie d’origine e affidatarie.



Obiettivo della campagna SMS Solidale è il mantenimento economico per un anno delle tre Comunità, coprendo i costi del personale specializzato per ogni bambino. Per garantire la realizzazione del miglior sostegno psicopedagogico, l’équipe per ogni Comunità deve essere infatti composta da sette educatori, un coordinatore e uno psicologo. Per le tre Comunità è necessario inoltre il lavoro di un neuropsichiatra, un assistente sociale, due pedagogiste, un pediatra, un logopedista.



Il CAF si avvale della certificazione ISO per il controllo e la valutazione di tutte le procedure adottate.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©