Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Il Maggior generale Valle consegna la direzione a Scenna

Cambio al vertice al Polo di Mantenimento Pesante Sud


Cambio al vertice al Polo di Mantenimento Pesante Sud
30/05/2011, 16:05

NOLA - Domani mattina alle 10:15, presso la Caserma   “Cervelli” di Nola, sede del Polo di Mantenimento Pesante Sud alla presenza delle Autorità cittadine, istituzionali e religiose avrà luogo la cerimonia di cambio del Direttore. Al maggior generale Paolo Valle, dopo due anni di reggenza dell’Ente ed alla fine della sua carriera per raggiunti limiti di età, succederà infatti  il Brigadiere Generale Gian Paolo Scenna. La cerimonia militare sarà presieduta dal maggior generale Vincenzo Torrazzo Capo Dipartimento TRAMAT e Vice Comandante Logistico dell’Esercito. Alla manifestazione parteciperanno, inoltre, il Vescovo della Diocesi di Nola, Sua Ecc. Mons. Beniamino Depalma, il Sindaco della città bruniana, Geremia Biancardi e tutti i sindaci dell'hinterland con i rispettivi Gonfaloni.  Il Brigradier Generale Gian Paolo Scenna 56 anni, laureato in Tecnologie Industriali applicate presso l’Università “La sapienza” di Roma, ha frequentato il 156° corso dell’Accademia Militare di Modena dal 1974 al 1976. Tra le sue precedenti esperienze si annovera da Comandante alla partecipazione di  numerose missioni all’estero come Albania, Kosovo, Bosnia, e Afghanistan. Il Magg. Gen. Paolo Valle 61 anni è laureato in chimica, ha ricoperto l’incarico di coordinatore del Gruppo di lavoro C3I dello SME, Capo della 1^ sezione dell’Ufficio Infosec – II Reparto – SME, Capo Nucleo bonifica nell’operazione “Constant Guard Force” in Bosnia Erzegovina, Capo Nucleo Bonifica nell’operazione Joint Guardian in Kosovo, Direttore della 9^ Divisione del III Reparto di Teledife, e contestualmente Direttore della 6^ Divisione del II Reparto di Teledife della stessa Direzione Generale.


IL POLO DI MANTENIMENTO PESANTE SUD, con sede in Nola, è stato istituito con D.I. 13.07.98 per riorganizzazione dell’ex STAVECO (Stabilimento Veicoli Combattimento) di Nola e dell’ex AEN (Arsenale Esercito di Napoli), dai quali ha ereditato tradizioni ed esperienze. In sintesi, il Polo di Nola è un Ente che opera il mantenimento a 360° dei Sistemi d’Arma di competenza, in pratica scafo, artiglieria, ottica, elettronica, opto-elettronica, impianti NBC e trasmissioni. Quindi assicura l’efficienza del materiale e dei relativi equipaggiamenti in dotazione alla Forza Armata, con riferimento  a tutte le artiglierie, ai mezzi corazzati e blindati, ai veicoli ruotati e speciali, ai materiali del genio, ai veicoli cingolati per truppe alpine e a tutti i relativi sottosistemi, compresi l’optoelettronica e le trasmissioni.

 

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©