Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Soddisfatto il sindaco Domenico Bortone

Camerota come la Costa Azzurra, siglato l'accordo con Saint Jean Cap Ferrat


Camerota come la Costa Azzurra, siglato l'accordo con Saint Jean Cap Ferrat
21/01/2010, 11:01


CAMEROTA. Un gemellaggio fra i porti di Marina di Camerota e Saint Jean Cap Ferrat nel segno di uno sviluppo turistico comune. L’accordo con la cittadina della Costa Azzurra, situata fra Montecarlo e Nizza, è stato preso nei giorni scorsi dal sindaco di Camerota, Domenico Bortone, e dal collega francese, Renè Vestri. L’atto verrá ufficializzato in primavera con la visita di una delegazione di Camerota a Saint Jean Cap Ferrat. «L’obiettivo - ha spiegato Virgilio Lamanna, vicepresidente della societá che gestisce il porto di Camerota, nonché organizzatore dell’evento - è quello di consolidare ulteriormente l’interscambio turistico, culturale e commerciale del porto di Camerota con il resto dell’Europa. Un gemellaggio può creare un ambiente ideale in cui sviluppare nuove tecniche di cooperazione e nuove esperienze lavorative attinenti il turismo e la nautica. Va specificato - continua il vicepresidente - che il maggior numero di yacht che ospitiamo durante la stagione estiva nel nostro porto provengono proprio dalla Francia».
Insomma un grande progetto nel quale «verranno coinvolti - spiega con un pizzico di orgoglio Bortone - gli studenti, i club sportivi e tutte le associazioni locali». Servizi di qualitá, corretta gestione degli scarichi, attivitá di promozione sono al momento i principali punti di forza della struttura portuale di Camerota, che negli ultimi anni ha registrato un considerevole aumento delle presenze, nonostante alcuni problemi legati alla costruzione del nuovo molo di sottoflutto. «Abbiamo notato numerose similitudine tra il nostro comune e quello di Cap Ferrat - spiega il sindaco - per questo vorremmo costruire qualcosa di importante che possa stimolare ancor più lo sviluppo delle due comunitá».

Commenta Stampa
di V.R.
Riproduzione riservata ©