Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

Per valori estetici ed umani del film This must be the place

Cannes: il film di Sorrentino vince il Premio ecumenico


Cannes: il film di Sorrentino vince il Premio ecumenico
22/05/2011, 11:05

CANNES - "Mi fanno piacere tutti premi. Questo in modo particolare". Parole "sante" quelle di Paolo Sorrentino, non fosse altro che il regista italiano ha vinto ieri a Cannes il Premio Ecumenico, ovvero il riconoscimento conferito da cattolici (Signis) e protestanti (Interfilm) al film in concorso che si e' maggiormente messo in luce per valori estetici e umani. Un premio "che molti registi detesterebbero ricevere", ha scherzato Therry Fremaux, riferendosi probabilmente al discusso Lars von trier, appena bandito dal festival per le sue dichiarazioni anti Israele.
Di seguito la motivazione:  “Attraverso Cheyenne, una rock star decaduta e addolorata, Paolo Sorrentino ci invita a seguire un viaggio interiore e l’odissea di un uomo alla ricerca delle sue radici, di maturazione, di riconciliazione e speranza. Dramma classico di grande ricchezza e ricerca estetica, il film offre con grazia diverse piste di riflessione seria e profonda”.  

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©