Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Cantone: “Non basta più avere titoli di studio quando è il privato che assume”


Cantone: “Non basta più avere titoli di studio quando è il privato che assume”
12/10/2012, 16:35

“Laurearsi non basta. In un mercato saturo, dove è il privato ad offrire le maggiori opportunità, dobbiamo andare oltre e puntare sulla qualità. Il valore legale del titolo di studio è un feticcio al quale siamo affezionati, ma che ha perso la sua valenza se ci confrontiamo con la realtà lavorativa”. Così il magistrato Raffaele Cantone ha spronato i ragazzi a fare di più e specialmente meglio, durante la conferenza di facoltà di Giurisprudenza che si è tenuta oggi durante la manifestazione OrientaSud.

“6 giovani su 10, una volta usciti dalla facoltà non intraprendono la carriera forense  – ha aggiunto il preside della facoltà di giurisprudenza dell’Università Partenope, Federico Alvino – è necessario immaginare quale sia il proprio futuro professionale mentre si  percorre una strada che non è affatto semplice”.

Alla conferenza di giurisprudenza, alla quale hanno partecipato presidi di facoltà dei vari atenei campani, ha fatto seguito quella di scienze della comunicazione che ha avuto un relatore d’eccezione, l’attore  Vincenzo Salemme.

 Ai giovani l’artista napoletano ha parlato così: “Più che consigli cercherei di capire il progetto che si ha dentro - ha affermato Salemme -  Non vi scoraggiate se intorno a voi ci sono solo raccomandati, se credete nel vostro progetto, ce la farete – poi ha aggiunto -   Il successo non è la popolarità, non è fare ciò che vi lasciano fare, ma avrete successo solo quando riuscirete a fare ciò che sapete fare”.

Poi ai giovani napoletani che gli chiedevano se di fronte all’assenza di lavoro bisognasse insistere o arrendersi e lasciare la propria città, Salemme ha consigliato: “Se le scelte lavorative ve lo impongono, andate, tanto anche se partirete non lascerete mai Napoli, perché un napoletano la sua città se la porta sempre dentro”.

A chiudere i lavori Ottavio Lucarelli che si è soffermato su come la professione stia cambiando e per dimostrarlo  il presidente dell’ordine dei giornalisti campano ha citato il comico Beppe Grillo: “L’esponente del movimento 5 stelle  continua ancora ad attecchire sulle masse perché riesce a trasmettere speranza, quella che la gente e anche voi giovani  rischiate di perdere ma che invece resta  il segreto per avere successo in qualunque professione si voglia fare, anche in quella dei giornalisti”.

La tre giorni si concluderà domani. L’appuntamento è sempre alle 9,30 presso la stazione marittima di Napoli  con conferenze rivolte agli aspiranti studenti di medicina, farmacia, agraria. Workshop e orientamento durante l’intera mattinata.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©