Cultura e tempo libero / Enogastronomia

Commenta Stampa

Capodanno 2013: dagli USA la moda del bartender a domicilio


Capodanno 2013: dagli USA  la moda del bartender a domicilio
18/12/2012, 13:58

Milano, 18 dicembre 2012 –  Fervono i preparativi per un Capodanno all’insegna del risparmio ma senza rinunciare alla qualità. Gli italiani tagliano sui regali e sui viaggi ma non sul cibo, puntando su cenoni e brindisi “fatti in casa” preparati però a regola d’arte, come validi sostituti del classico veglione al  ristorante. 

Secondo la Coldiretti, infatti, il carrello della spesa si svuota per il calo degli acquisti che contagia anche il Natale con previsioni di uno shopping pre-vigilia in calo del 3,7 per cento. C’è un clima di sfiducia che - sottolinea  la Coldiretti - porta a una riduzione della spesa complessiva per le prossime festività che penalizza soprattutto i regali, i quali subiscono un taglio record dell'8,6 per cento insieme ai divertimenti (-0,3 per cento), mentre tiene l'acquisto di cibo (+2,1 per cento). Vale a dire che una bella fetta di italiani (29 per cento) alla buona tavola natalizia non vuole proprio rinunciare, a scapito anche dei viaggi (20 per cento). Per la precisione, come conferma un sondaggio Swg realizzato per Confesercenti ed Assoturismo, quest’anno il 79 per cento degli italiani non farà nemmeno un giorno di vacanza tra Natale e l’Epifania e soltanto il 9% partirà per Capodanno. L’altra fetta di abitanti del Belpaese, a fronte dei vari tagli, è pronta a restare in casa ad attendere i 12 rintocchi della mezzanotte, rinunciando anche ai cenoni al ristorante ed agli eventi in discoteca. Così se le settimane bianche, i tour organizzati nelle capitali, le crociere, i veglioni nei locali a suon di trombette, trenini, spumante, ostriche  e formule allyoucaneat ottengono riscontri disastrosi, la partecipazione ai concerti nelle piazze e i party nelle case private si confermano il trend trainante del 2012, proprio perché alla portata di tutte le tasche.   

E dagli Usa arriva la moda del Barman a domicilio con lezioni private per imparare a preparare aperitivi low cost ma di qualità, come riporta  l’autorevole  New York Times (http://www.nytimes.com/2012/06/13/dining/past-keg-parties-ready-for-a-bartender.html?pagewanted=all&_r=0) e che, stando alle parole di Daniele Dalla Pola,  professionista italiano di fama internazionale ed esperienza decennale come barman, starebbe prendendo sempre più piede anche in Italia. “Organizzare l’aperitivo in casa è senz’altro una soluzione più economica e di effetto assicurato, specie se la preparazione dei cocktail è affidata a mani esperte” – commenta Dalla Pola, che aggiunge – “Mi capita sempre più spesso di essere invitato a feste private ed anche di tenere dei piccoli corsi di preparazione di due o tre cocktail semplici. In questo modo i giovani imparano e, la volta dopo, fanno da sé”.

Sembra, quindi, che i giovani non si lasceranno intimorire dalla recessione economica,  rimediando con eventi casalinghi che potranno essere davvero memorabili soltanto grazie a due parole chiave, ovvero creatività e fashion. Perciò spazio alla fantasia nella creazione di cibi, bevande, decorazioni, musiche, abiti e giochi che rapiscano gli amici ed i parenti invitati nell’atmosfera evocata dal tema che avrete scelto per il vostro cenone, in modo da assicurare l’ottima riuscita della serata.

Ma quali sono i 5 cocktail “fai da te” più richiesti? Secondo una ricerca realizzata online su un campione di 200 barman professionisti italiani, selezionati tramite i blog di settore, emerge al primo posto, con il 36% delle preferenze, il Midnight Martini Royale, drink dalle note agrumate, perfetto per trascorrere un indimenticabile Capodanno; con il 27%, troviamo al secondo posto, l’Oak&Cola, semplice ma giovane e originale, diverso dal più classico rum&cola, grazie al gusto unico e speziato di Bacardi Oakheart, facile da preparare anche in grandi quantità. Al terzo posto, per i più coraggiosi, il Mojito con il 18%: la ricetta non è delle più semplici ma, assicurano i barman, con un rum di ottima qualità, delle foglie di menta freschissima ed un po’ di pratica si possono ottenere risultati soddisfacenti. Chiudono la classifica il Long Island (11%), tipico per il post-serata, mentre per un’occasione particolare come questa si può osare con il Daiquiri (8%).

 

Insomma, muovendosi tra rituali scaramantici e buoni propositi, oroscopi per l’anno che verrà e sfavillanti fuochi d’artificio, lenticchie e lingerie rossa, il compromesso giusto per non perdersi nell’organizzazione di un party di tutto rispetto è un brindisi fantasioso che, sotto il vischio, strizzi l’occhio (risparmiatore!) sia alla novità che alla tradizione. In questo modo è comunque assicurato, in barba alla crisi e alle catastrofiche previsioni Maya… un Capodanno col botto!

 

 

Midnight Martini Royale

Il Midnight Martini Royale è un elegante cocktail dalle note agrumate, creato a regola d’arte dai Brand Ambassador di Casa Martini, Adriano Ronco e Giuseppe Kahya. Con un mix di sapori dolci e amari, è il cocktail perfetto per festeggiare l’arrivo del nuovo anno e trascorrere un indimenticabile capodanno.

 

2 parti Martini Bianco
1 parte Vodka G. Goose
1/2 Bitter Orange
1/2 Pompelmo rosa spremuto
1 spruzzo sciroppo di fragola

Shakerare gli ingredienti nel mixing-glass. Servire in una coppa Martini con bordo zuccherato e guarnire con una spirale di scorza d'arancia e una ciliegina rossa.  

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©