Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Capodanno: contro la crisi shopping festivo di prodotti a km zero


Capodanno: contro la crisi shopping festivo di prodotti a km zero
29/12/2011, 17:12



Appuntamento domani venerdi 30 dicembre a Piazza San Vitale a Fuorigrotta e a Piazza Immacolata al Vomero.

Nuova opportunità di fare lo shopping festivo con tipicità e convenienza. Domani venerdì 30 dicembre in Piazza San Vitale a Fuorigrotta e a Piazza Immacolata è possibile acquistare prodotti agroalimentari tipici del territorio con la filiera breve dal campo alla tavola al mercato dei produttori agricoli di Campagna amica.
Gli imprenditori agricoli campani offriranno diversi tipi di formaggio, olio, vino, salumi, legumi, marmellate, sottolii, miele, frutta, ortaggi e verdure molto apprezzati dai consumatori che riconoscono la qualità, la freschezza, la tipicità ed il prezzo agevolato del rapporto diretto produzione consumo con la possibilità di prepararsi o farsi preparare i tipici cesti con prodotti inimitabili caratteristici del territorio.
Contro l’incertezza economica, l’inquinamento ambientale e le trappole del mercato, per preparare cenoni e confezionare in modo gustoso cesti da donare a se stessi o agli altri, -evidenzia Coldiretti - per le festività è possibile risparmiare, alimentarsi di cose gustose e sane, contribuire a ridurre, le emissioni di anidride carbonica acquistando direttamente dagli agricoltori frutta, formaggi, vino, olio e salumi e altre specialità alimentari locali.

La spinta verso regali utili - sottolinea la Coldiretti - premia l’enogastronomia anche per l'affermarsi di uno stile di vita attento alla riscoperta della tradizione a tavola che si esprime con la preparazione fai da te di ricette personali per serate speciali o con omaggi per gli amici che ricordano i sapori e i profumi della tradizione del territorio. Il consiglio della Coldiretti è quello di preferire i prodotti venduti direttamente dagli imprenditori agricoli in azienda o nei mercati di Campagna Amica poiché garantiscono genuinità, convenienza e una maggiore originalità rispetto alle offerte festive standardizzate dei punti vendita tradizionali. L’agroalimentare Made in Campania - conclude la Coldiretti - puo’ contare su 12 Denominazione Geografiche Protette (DOP), 8 Indicazioni Geografiche Protette (IGP) riconosciute dall'Unione Europea senza contare le oltre 300 specialità tradizionali censite dalla Regione, mentre sono 18 i vini a denominazione di origine controllata (Doc), 3 quelli a Denominazione Controllata e Garantita e 9 a Indicazione Geografica Tipica.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©