Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Il maestro dell'arte morì nel 1610

Caravaggio: forse trovati suoi resti in Toscana


Caravaggio: forse trovati suoi resti in Toscana
16/06/2010, 18:06

FIRENZE - Un'équipe di antropologi è convinta di aver trovato i resti del maestro Caravaggio, e di aver risolto un mistero che grava da secoli sulla sua morte.
I ricercatori, che lavorano nell'ambito del Comitato nazionale per la valorizzazione dei Beni storici culturali e ambientali, dicono di essere quasi certi che le ossa ritrovate in Toscana in un ossario corrispondano a quelli di Michelangelo Merisi, più noto come Caravaggio."Abbiamo condotto i test Dna su questi resti, e considerato i risultati tra i presunti familiari di Caravaggio, le persone con lo stesso cognome", ha detto Giorgio Gruppioni, un docente di antropologia che fa parte della squadra di ricerca. "Abbiamo la compatibilità con questi elementi genetici. Dunque questa persona potrebbe provenire dallo stesso gruppo familiare come gli attuali Merisi".
Caravaggio ha avuto una vita avventurosa: avrebbe ucciso un uomo in una rissa, per poi fuggire da Roma con una taglia sul capo.
Gli studiosi hanno avanzato diverse teorie sulla sua morte, nel 1610, tra cui quella secondo cui sarebbe stato ucciso su una deserta spiaggia toscana o che sarebbe rimasto vittima di un collasso dovuto a una strana malattia, forse sifilide.
Nel 2001 un ricercatore italiano annunciò di aver scoperto il certificato di morte del pittore, che condusse gli esperti al cimitero toscano di San Sebastiano, e poi a un ossario nella vicina Porto Ercole.
I ricercatori dicono che nel cimitero non risulta alcuna registrazione della tomba nel 1610, e che gli spagnoli, che all'epoca dominavano Porto Ercole, sequestrarono i resti e li seppellirono in segreto, apparentemente per evitare che qualcuno potesse rivendicare i diritti sui suoi dipinti.   "Ci sono altri due elementi che compongono questo mosaico. Prima di tutto l'età, 39 anni: i nostri test mostrano che questa età è compatibile" - dice Silvano Vinceti, presidente del Comitato nazionale per la valorizzazione dei Beni storici culturali e ambientali - "Poi l'altezza: Caravaggio era alto più di 1 metro e 70 cm, e anche a questo riguardo abbiamo avuto risultati positivi.Tutti questi elementi, messi insieme ad altri, ci consentono di dire con certezza, parlando da storico, che questi resti sono quelli di Caravaggio".
Gli studiosi ora sperano di poter dare a Caravaggio degna sepoltura, ma prima di mettere i suoi resti in esposizione a Porto Ercole, nel 400esimo anniversario della morte del maestro del Barocco.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©